facebook rss

Passaggio di consegne
al Comando Legione carabinieri Marche

ANCONA - Alla cerimonia militare l’attuale comandante di Legione Fabiano Salticchioli, destinato ad assumere a Roma l’incarico di vice comandante delle Scuole dell’Arma dei carabinieri, e il subentrante Salvatore Cagnazzo, già comandante del Reparto carabinieri Banca d’Italia, a Roma
Print Friendly, PDF & Email

Un momento della cerimonia

Ha avuto luogo questa mattina la cerimonia per l’avvicendamento nel Comando della Legione carabinieri Marche tra il Generale di Brigata Fabiano Salticchioli, destinato ad assumere a Roma l’incarico di vice comandante delle Scuole dell’Arma dei carabinieri, e il Generale di Brigata Salvatore Cagnazzo, già Comandante del Reparto carabinieri Banca d’Italia, a Roma.
Il Generale Enzo Bernardini, Comandante Interregionale Carabinieri ‘Podgora’ di Roma, ha espresso al Generale Salticchioli il suo «più vivo compiacimento per i risultati conseguiti dalla Legione nel periodo in cui ne ha retto il comando» e ha rivolto al Generale Cagnazzo un caloroso augurio di buon lavoro nel nuovo incarico.

Un momento della cerimonia

Alla cerimonia hanno partecipato i prefetti dei cinque capoluoghi di provincia, autorità amministrative, giudiziarie, religiose, accademiche, l’ispettore regionale Marche dell’A.n.c. una rappresentanza di ufficiali, marescialli, brigadieri, appuntati e carabinieri della sede e dei delegati del Consiglio di Base della Rappresentanza Militare delle Marche.
Presente anche il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli che ha detto come «Dopo due anni il generale di Brigata, Fabiano Salticchioli, lascia il comando al generale di Brigata Salvatore Cagnazzo, a cui va il nostro benvenuto e l’augurio di buon lavoro nelle Marche. Al generale Salticchioli – ha dichiarato – voglio esprimere profonda stima e gratitudine per il lavoro svolto in questo periodo, e mio sincero ringraziamento per la proficua collaborazione nella gestione di fasi dedicate, condivise negli ultimi due anni, e per l’alto senso delle istituzioni e la professionalità dimostrate in ogni momento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X