facebook rss

Indagine sulla pedopornografia,
l’arrestato è un allenatore di 54 anni:
sequestrati oltre 31mila file

INCHIESTA della Polizia postale, coordinata dalla Dda. L'uomo, originario di Tolentino, è in carcere. Secondo l'accusa deteneva immagini e video con minori tra i 6 e i 13 anni coinvolti in atti sessuali tra loro e con adulti
Print Friendly, PDF & Email

polizia-postale-comunicazioni-550x245-1-325x145

 

E’ un allenatore di 54 anni originario di Tolentino l’uomo arrestato dalla polizia per pedopornografia. Oltre 31mila i file contenenti immagini e video con minori tra i 6 e i 13 anni coinvolti in atti sessuali tra loro e con adulti sequestrati dagli inquirenti. L’indagine è del Centro operativo per la sicurezza cibernetica – Polizia postale e delle comunicazioni “Marche”, coordinata dalla procura distrettuale di Ancona. L’uomo è finito in manette venerdì, ma solo oggi sono stati resi noti alcuni dettagli dell’operazione. Tutto è nato dalla segnalazione di un organismo internazionale. Da lì la Polizia postale di Ancona è riuscita a correlare altre 12 segnalazioni dello stesso organismo e quindi ad identificare l’uomo. Si tratta di un allenatore, appunto, spostato e insospettabile, residente nel Maceratese. Nei suoi confronti la procura ha emesso un decreto di perquisizione. Gli inquirenti hanno quindi scoperto che l’uomo deteneva oltre 31mila file pedopornografici ed è scattato l’arresto. Nei giorni scorsi c’è stata la convalida davanti al gip del tribunale di Macerata. Nel corso dell’udienza, il 54enne ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Il giudice ha convalidato l’arresto e ha confermato la misura cautelare in carcere. 

La Polizia postale consiglia ai genitori, «soprattutto in questo periodo, al fine di garantire una navigazione sicura e consapevole dei minori su internet, di non lasciare mai i propri figli in tenera età soli in un ambiente popolato da adulti come la rete. La navigazione sicura e consapevole passa sempre attraverso una gradualità nell’uso temporale della stessa: un bambino che non è in grado di capire i rischi del web non deve essere mai lasciato solo e soprattutto deve trascorrere un tempo moderato di navigazione che sia consono e proporzionato all’età».

 

Pedopornografia, un arresto a Macerata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X