facebook rss

Documenti falsi e spaccio:
espulsi tre stranieri

ANCONA - L'Ufficio Immigrazione della questura prosegue nei controlli riguardanti i cittadini irregolari sul territorio
Print Friendly, PDF & Email

Gli accertamenti sono stati svolti dal personale dell’Ufficio Immigrazione della questura (Archivio)

Proseguono da parte degli uomini della questura i controlli riguardanti i cittadini irregolari sul territorio nazionale o che sono ritenuti socialmente pericolosi.
Alla frontiera aerea di Bologna, due moldavi sono stati accompagnati e rimpatriati nel loro paese di origine in esecuzione dei provvedimenti di espulsione.
I due avevano diversi precedenti penali riguardanti il possesso e la fabbricazione di documenti di identificazione falsi.
La polizia, in particolare, ha riscontrato Carte di Identità romene che avevano utilizzato per soggiornare e lavorare in modo fraudolento in zona.
Inoltre, sempre l’Ufficio Immigrazione della questura, a seguito della scarcerazione per fine pena, ha emesso su ordine del prefetto un decreto di espulsione a carico di un nigeriano.
L’uomo era stato condannato a 5 e 4 mesi di reclusione per la violazione della legge sugli stupefacenti oltre a 1 e 10 mesi per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate.
Infine, alla frontiera aerea di Roma-Fiumicino è stato accompagnato un iracheno che aveva richiesto asilo in Germania. L’uomo è stato quindi trasferito nella nazione designata come paese competente per esaminare la sua richiesta di Protezione Internazionale come previsto dalla Convenzione Dublino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X