Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Schlein: «Ancona gran comunità»,
Simonella: «Una nuova storia
e sarà progressista»

VERSO IL BALLOTTAGGIO - La candidata di centrosinistra continua l'appello a unire le forze contro la destra, mentre la segretaria del Partito Democratico parla di inclusione a ogni livello. Sul Palco anche Sauro Longhi e Chantal Bomprezzi

Da Sinistra Ida Simonella e Elly Schlein

di Antonio Bomba (Foto di Giusy Marinelli)

Elly Schlein ha chiuso la campagna elettorale di Ida Simonella nella serata in piazza Roma, davanti a centinaia di persone. La segretaria nazionale del Partito Democratico ha ricordato a tutti i motivi per cui, secondo lei, si dovrebbe votare centrosinistra e non centrodestra. Diritti civili, Sanità, fondi Pnrr ed evitare che Ancona sia una bandierina della filiera, tra i principali temi toccati dalla leader Dem.

Di nuovo, rispetto a due settimane fa alle Muse, c’è la continua e costante dichiarazione di apertura verso la sinistra progressista. Un invito al dialogo e al confronto. Sul palco, come la scorsa volta, ha parlato oltre a Schlein e Simonella, la segretaria Regionale Chantal Bomprezzi, a cui per questa occasione si è aggiunto Sauro Longhi. Una scelta non casuale, quella di dar voce al futuro assessore dell’eventuale giunta Simonella, in quanto è individuato come figura di garanzia per quella sinistra che si riconosce come progressista.

«Tante cose sono successe in queste due settimane – ha spiegato Schlein all’inizio del suo discorso ricordando anche le alluvioni in Emilia Romagna – ma una cosa è certa: la pandemia ha accelerato ogni disuguaglianza. Serve pertanto la cura della comunità con una Sanità ridisegnata e di prossimità, non un Governo che taglia i fondi alle Regioni. Devono capire che il welfare è un investimento non un costo, così come occorre abbattere sempre di più le barriere architettoniche per le persone disabili». Schlein prosegue: «La politica ha come missione guidare la trasformazione e indagare sui relativi processi. Pertanto la trasformazione digitale aiuterà tutti, anche gli anziani e le persone con difficoltà» per toccare poi il tema lavoro «Occorre capire che il lavoro si è trasformato e occorrono nuove tutele scritte».

Schlein va avanti: «Il Pnrr è essenziale. Questa amministrazione ha saputo intercettare molti milioni. E l’Unione Europea ha detto che lo Stato deve aiutare gli enti locali ad accedere e utilizzare i nostri fondi. E invece il Governo cosa fa? Ci rinuncia, dice che non sono indispensabili mettendo in pericolo tutti. Da esso dipende il rilancio economico della città. Facendo come vogliono fare loro invece si rischia di saltare l’appuntamento con la storia. L’occasione è irripetibile».
La segretaria è andata avanti a parlare degli avversari: «La destra non capisce che la migliore storia d’Italia è quella inclusiva, che non lascia indietro nessuno. I bambini nelle scuole non sanno cosa sia il razzismo, non lo capiscono. E poi cosa hanno contro la comunità Lgbt? Perché devono discriminare? Noi invece crediamo molto nella coesione delle comunità e Ancona è una grande comunità. Perché, ve lo dico, preferisco scontrarmi e confrontarmi in coalizione ogni giorno che vedere la destra al Governo. Una destra nazionalista che non sa dire che la Costituzione è antifascista e colpisce sempre le fasce più deboli della società. Adesso – conclude il suo intervento – tocca a voi. Convincete a votare Simonella ogni persona che conoscete. Forza Ida, Viva Ida».

Simonella preso il microfono in mano ha immediatamente spiegato che «È stata una campagna elettorale molto lunga, intensa e bella. È stato un grande viaggio, di quelli che ti fanno sorridere, crollare ma che sempre ti arricchiscono. Grazie a chi mi ha accompagnato lungo questo percorso, la coalizione e le sue persone». La candidata sindaca ha poi individuato tappe differenti e ben distinte in questa campagna elettorale: «La prima parte è stata basata sui fatti e le competenze. Quella che in privato mi riconoscono anche loro (cioè il centrodestra, ndr) anche se poi in pubblico mi chiamano professorina. Ho studiato molto grazie ai sacrifici dei miei genitori e sono stata all’Istao dove ho incontrato un grande come Giorgio Fuà. Poi – ha inizio un’altra tappa – ho capito che la competenza non bastava per spiegare da che parte stare. Serviva ricordare i valori che ci accomunano e che ci rendono diversi dalla destra. E la cartina di tornasole la si ha nei metodi non nei massimi sistemi. Hanno portato ad Ancona mezzo consiglio dei Ministri. Sono venuti anche Giorgia Meloni e Matteo Salvini; e hanno detto che si doveva conquistare Ancona, la pedina finale per la loro tanto decantata filiera istituzionale, dopo Governo e Regione. E questo – spiega il suo punto di vista – fa capire la differenza. Fa pensare a dei sudditi più che ai cittadini. Se sei dei nostri ti do qualcosa altrimenti niente. La filiera è un ricatto. E i ricatti puzzano. Puzza tantissimo di piccolo regime e questa cosa non è un bene. Pertanto – afferma – la campagna elettorale si è trasformata in una sorta di resistenza».

Poi: «Grazie al Pnrr la città cambierà. Sarà più aperta, nuova. Verrà vissuta in altra maniera e Sauro Longhi ne è una garanzia». Da qui all’appello alle forze progressiste di sinistra il passo è breve: «Ringrazio i Verdi che hanno indicato al proprio elettorato di votare per noi. Così come alcuni esponenti dei 5 Stelle che oggi si sono augurati che il voto vada al centrosinistra. E ringrazio anche Francesco Rubini che ha dichiarato di non essere equidistante».
Il messaggio che vuole lanciare è di apertura: «Confrontiamoci, non restiamo rigidi sulle nostre posizioni. Non facciamo un salto indietro che è la cosa peggiore, guardiamo avanti». Poi, riprendendo il suo slogan «La nuova storia che partirà sarà progressista. Mentre il loro sistema, quando va bene, è un piccolo mondo antico»
.

E ancora «Questa è una nuova stagione, differente da quella di Valeria (Mancinelli, ndr) iniziata 10 anni fa e che vedo qui tra il pubblico e saluto. Perché per Ancona ha fatto tanto e non ce lo dimenticheremo. In questa campagna elettorale, pur restando in disparte, si è beccata tanto fango in faccia». Tutto questo per ribadire che: «Oggi però ci sono io e parte una nuova storia, quella della stagione progressista».

E Sauro Longhi? l’ex magnifico Rettore dell’Univpm ha esordito facendo notare che «Non avrei mai pensato di essere qui, ma alla fine ci sono volentieri. Proprio da quella finestra lì – indicando il suo vecchio ufficio nel Rettorato di corso Stamira – vedevo quanto era bella questa piazza. E da lì mi è nata l’idea delle lauree in piazza Roma. Quando Ida – passa adesso al tema politico – mi ha chiesto di entrare nella sua squadra ci ho riflettuto il tempo di un caffè e ho accettato. Perché questo è il momento di scegliere da che parte stare, cioè dalla parte giusta, quella della maggioranza del Paese e anche di questa città. La parte giusta – spiega ancora Longhi – è quella progressista per gli ideali di inclusione e libertà che da sempre la contraddistingue. È tempo di trovare accordi e costruire, confrontandosi».

Longhi, ricordiamolo, se vincerà Simonella, sarà per decisione della stessa candidata sindaca assessore alla transizione ecologica, alla digitalizzazione e all’Università: «Vogliamo parlare dei cambiamenti climatici? Mi pare chiaro che la transizione ecologica è da fare. Così come il digitale. Non ha senso avere paura delle innovazioni tecnologiche. Saranno uno strumento per andare più veloci e risolvere problemi. Pertanto – conclude – domenica e lunedì dovete darci le ali per far volare Ancona».

«Sento – ha detto Chantal Bomprezzi che ha parlato per prima – la stessa energia dell’appuntamento alle Muse. Solo che non piove, c’è il sole, siamo in piazza e tutto è più bello. Grazie a tutti quelli del Pd, il mio partito, e della coalizione che si sono spesi in questa campagna elettorale».

Alla fine Mauro Ermanno Giovanardi, ex leader del La Crus, si è esibito in concerto iniziando con una canzone dedicata a Ida Simonella: ‘Pensiero Stupendo’ di Patty Pravo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X