facebook rss

Il virtuoso del piano Thomas Nickell
ad Ancona per l’arte colpita dal sisma

CONCERTO – Reduce dal successo della Carnegie Hall, il 18enne americano si esibirà in una mini tourneé. Prima tappa ospite dell'Univpm come appuntamento fuori cartellone di Your Future Festival. A Jesi la serata a favore del restauro delle opere ferite dal terremoto. Saranno eseguiti due brani inediti composti dal giovane talento. Sabato la suggestiva conclusione a Portonovo
mercoledì 24 Maggio 2017 - Ore 14:36
Print Friendly, PDF & Email

Thomas Nickell, durante le prove in aula magna nella facoltà di Ingegneria

Un momento delle prove in aula magna

 

“E’ un vero onore per me suonare in Italia, soprattutto dopo il momento tragico del terremoto. La musica è rinascita e questa musica sinfonica è perfetta per unire le presone, perché ha bisogno del supporto di tanti musicisti per creare questo suono”. Il 18enne musicista newyorchese Thomas Nickell, giovane promessa della concertistica internazionale per le sue straordinarie doti di pianista e compositore, ha scelto Ancona per il suo ritorno in Italia. Una mini-tourneé di tre tappe che comincia domani giovedì 25 con il primo di tre concerti a ingresso libero che lo vedranno esibirsi accompagnato da una folta rappresentanza di musicisti provenienti dalle province di Ancona e Macerata. Reduce dal suo debutto ufficiale nella Weill Recital Hall della Carnegie Hall di New York, dove è stato acclamato dalla critica per la sua esecuzione da solista, per la prima volta negli Stati Uniti, del concerto per pianoforte Op. 111 di David Matthews, considerato da molti il più grande compositore inglese vivente, Thomas Nickell si esibirà giovedì 25 maggio, alle ore 21.15, nell’aula magna dell’Università Politecnica delle Marche (polo Monte Dago), in un magistrale omaggio a Beethoven, nella ricorrenza del 190esimo anniversario della sua morte. La prima di “Beethoven 190” è stata inserita come appuntamento fuori cartellone di Your Future Festival, l’evento che ha animato la città dall’8 al 13 maggio. “Il filo conduttore del festival è stato l’Europa e qui si innesta Beethoven con il suo inno alla gioia” ha commentato il rettore Sauro Longhi, ringraziando Nickell della sua collaborazione, scherzando poi sul talento e sulla giovane età del pianista.

Thomas Nickell con il rettore Sauro Longhi

“In lui rivedo i nostri studenti” ha sorriso Longhi. Il progetto musicale vede Nickell accompagnato da 120 musicisti, tra coristi e strumentisti, scelti nel Coro Universitario del CRUA (Circolo Ricreativo Universitario Ancona), nel Coro “Francesco Tomassini” di Serra de’ Conti, nell’Orchestra Fiati di Ancona, nell’Orchestra da Camera “Sinfonietta Gigli” di Recanati e nel Coro Giovanile “La Città dei Suoni” di Ancona, diretti dai Maestri Laura Petrocchi e Mirco Barani. Solisti saranno invece il soprano Giacinta Nicotra, il mezzosoprano Beatrice Mezzanotte, il tenore Gianluca Pasolini e il basso-baritono Lucio Mauti.
Il progetto nasce dalla sinergia con Alexander & Buono International di New York, la fondazione impegnata nella valorizzazione delle giovani promesse della musica classica. Il concerto si aprirà con l’ouverture del Coriolano per poi proseguire con un programma incentrato sulle due grandi opere del compositore tedesco, la Fantasia Corale op.80 e la Messa in Do maggiore op.86. A rendere il tutto ancor più ricco ed emozionante sarà l’esecuzione, in prima assoluta mondiale, di un brano composto da Thomas Nickell appositamente per il Coro Crua dell’Università Politecnica delle Marche, intitolato “Sympathy”. Il concerto sarà poi replicato venerdì 26, alle 21.15, nella Cattedrale di San Settimio, a Jesi. Nel corso della serata verranno raccolte le offerte per finanziare progetti a favore delle popolazioni colpite dal sisma, in particolare è stato stretto un gemellaggio con la cittadina fermana di Amandola per il recupero dei beni culturali mobili (dipinti, sculture, arredi d’epoca ecc.) danneggiati.

La presentazione del concerto, da destra Barry Alexander e Cosimo Buono della Alexander & Buono International, il rettore Longhi, Thomas Nickell e la direttrice del coro Crua Laura Petrocchi

Per l’occasione, sarà eseguito un secondo brano inedito del giovane compositore americano, intitolato “Love and harmony combine”, ispirato al poema di William Blake. La tournée marchigiana di Thomas Nickell si concluderà infine sabato 27, alle 21.30, nella suggestiva chiesa di Santa Maria a Portonovo con “Mozart by the sea – Thomas Nickell & strings”, un concerto per pianoforte e quintetto d’archi (Silvia Badaloni, primo violino; Silvia Pizzarullo, secondo violino; Laura Pennesi, viola; Paolo Pucci, violoncello; Amin Zarrinchang, contrabbasso). A supportare Nickell saranno inoltre Beatrice Petrocchi, al flauto, e un quartetto vocale composto da Anna Taucci (soprano), Alessia Talacchia (contralto), Leonardo Saracini (tenore) ed Eros Gaggiotti (basso), tutti giovanissimi, ma talentuosi membri dell’ensemble anconetano “La Città dei Suoni”. L’appuntamento si inserisce nel segmento “La corda e il soffio (suoni in dialogo)” del più ampio cartellone Onde di Note – Itinerari Musicali 2017 promosso dall’associazione ZonaMusica di Ancona.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X