facebook rss

Fallisce l’assalto al bancomat
della Nuova Banca Marche:
è caccia alla banda dell’Audi

CAMERANO - Il colpo sferrato verso le 3.30 di stamattina allo sportello della Statale Adriatica. Grazie a due fori alla base, la cassa blindata di ultima generazione ha depotenziato la miscela del gas. E' arretrata di pochi centimetri ma non si è aperta
lunedì 29 Maggio 2017 - Ore 10:10
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

E’ fallito l’assalto al bancomat della Nuova Banca Marche all’Aspio di Camerano, sulla Statale Adriatica, stamattina poco prima della 3.30. L’esplosione innescata con il gas acetilene ha infatti solo danneggiato il meccanismo della cassa blindata senza riuscire ad aprirla. L’Ats di nuova generazione presentava infatti dei fori di ventilazione alla base che hanno di fatto depotenziato la miscela del gas permettendone la dispersione. Dopo l’esplosione,che ha danneggiato soltanto la parte sottostante della vetrina della banca, la cassa blindata è arretrata di qualche centimetro ma non si è aperta.

I quattro banditi incappucciati, ripresi dalle telecamere prima che venissero coperte e imbrattate con lo spray di vernice nera, sono fuggiti a bordo di un’Audi di colore scuro. Sul posto sono arrivati i Radiomobili di carabinieri di Osimo e di Ancona e sono in corso ricerche e posti di blocco lungo tutta la Statale 16, in collaborazione con i comandi dell’Arma e la Polizia stradale. I militari di Osimo stanno anche visionando le telecamere dei vicini Hotel Concorde e dell’Ikea per individuare almeno la via di fuga dell’Audi, Non si esclude che la banda sia rimasta ancora in zona o con l’ausilio di un basista abbia imboccato strade della viabilità secondaria per far perdere le proprie tracce, piuttosto che entrare nel vicino casello di Ancona Sud dell’A 14. I danni stimati allo sportello bancomat di Camerano ammonterebbero a 5000 euro. Qualche giorno fa a Sassoferrato, è stato registrato un assalto al bancomat messo a segno con la stessa tecnica (leggi l’articolo).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X