facebook rss

È morto Angelo Tini,
vicesindaco di Fabriano

LUTTO - Malore mentre si trovava a Senigallia. Inutili i soccorsi e la corsa all'ospedale regionale di Torrette ad Ancona. Sospese tutte le iniziative pubbliche e bandiere a mezz'asta in città
venerdì 2 Giugno 2017 - Ore 18:46
Print Friendly, PDF & Email

Angelo Tini

 

di Agnese Carnevali

È morto improvvisamente Angelo Tini, vicesindaco di Fabriano e assessore al Bilancio. Avrebbe compiuto 66 anni il prossimo 1° luglio. Fatale un malore mentre era appena arrivato a Senigallia con la moglie Tonina per andare a pranzo con degli amici. Trasportato d’urgenza all’ospedale regionale di Torrette ad Ancona, non c’è stato nulla da fare per l’esponente della Giunta Sagramola. Sconvolta la città ed il mondo politico.
La salma sta rientrando in queste ore da Ancona a San Donato, la frazione di Fabriano dove è nato e dove Tini viveva.
«È difficile parlare in questo momento perché tanto è il dolore e la sofferenza – le parole di un provato Giancarlo Sagramola, sindaco di Fabriano –. Dolore soprattutto per l’uomo e l’amico che perdiamo, ma anche per l’amministratore. Insieme – continua – abbiamo affrontato tante difficoltà in questi cinque anni passati in Giunta. Ora questo fulmine a ciel sereno».
Appena appresa la notizia, sono state sospese tutte le iniziative pubbliche, compresa la conferenza con il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, arrivato proprio in quelle ore a Fabriano. Tanti i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla famiglia, alla moglie, ai due figli, ai due nipoti ed all’anziana mamma. Dallo stesso Giachetti e dal segretario cittadino del Pd, Michele Crocetti. «Condoglianze alla famiglia e a tutta quella del centrosinistra di Fabriano. Restate uniti e lottate anche per lui» le parole del vicepresidente della Camera.
«Al di là della diversità di vedute sull’azione amministrativa, la città della carta perde un indiscusso protagonista della scena politica comunale degli ultimi trent’anni e un amministratore che si è sempre contraddistinto per l’amore nei confronti della sua città – il messaggio di Patrizia Terzoni, portavoce del Movimento 5 Stelle della Camera dei Deputati –. Alla famiglia vanno le più sentite condoglianze da parte mia e di tutto il gruppo fabrianese del Movimento 5 Stelle».
In pensione da pochi mesi da dirigente amministrativo dell’Asur, per la quale lavorava dal 1973. Un’intensa vita politica nelle fila della Democrazia cristiana prima e poi nell’Udc. Angelo Tini arriva in Consiglio comunale a Fabriano nel 1985 dove rimane ininterrottamente con diverse cariche e deleghe. Nel 2001 è nominato presidente della Comunità montana dell’Esino-Frasassi.
Profondamente addolorato Luigi Viventi, ex assessore regionale, che con Angelo Tini ha condiviso la militanza politica nella Dc e poi nell’Udc. «Perdo l’amico di una vita – afferma – ci conosciamo da 40 anni. La comunità perde un grande amministratore e uno dei massimi dirigenti politici dell’Udc».
La data dei funerali non è ancora stata fissata. Bandiere a mezz’asta nel Comune di Fabriano.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X