facebook rss

Scompaiono soldi dalla sua postepay:
l’ex marito ci comprava abiti e bigiotteria

OSIMO - La coppia si era separata da poco ma lui, un impiegato insospettabile di 52anni, aveva conservato i codici di accesso alla carta prepagata della moglie e li utilizzava per pagare gli acquisti destinati alla sua nuova giovane compagna
domenica 4 Giugno 2017 - Ore 12:29
Print Friendly, PDF & Email

Una impiegata osimana di 54 anni si è rivolta ai poliziotti del Commissariato di Osimo dopo aver scoperto una serie di prelievi fraudolenti effettuati sulla propria carta postepay. Gli agenti dell’Ufficio Anticrimine, dopo accurate indagini sono riusciti a risalire all’identità dell’autore della truffa informatica. E con grande amarezza la donna ha scoperto che l’autore altro non era che l’ex marito dal quale si era da poco separata. Gli investigatori sono arrivati a trovare il bandolo della matassa dopo aver anno individuato i contatti Ip e la tracciabilità dei pagamenti effettuati, le postazioni utilizzate per ordinare la merce via web. Hanno così identificato l’autore del reato per D. A., 52 anni, incensurato residente ad Osimo.

Nel corso delle indagini è stato verificato che l’individuo utilizzava i codici segreti della carta postpay della denunciante per pagare merce acquistata online, consistita, tra l’altro, in costosi capi di abbigliamento femminile e bigiotteria. Escluso che il truffatore, apparentemente normalissimo impiegato, fosse ricorso a sistemi sofisticati per clonare carte prepagate, gli agenti hanno accertato che l’autore dei numerosi prelievi, era l’ex marito della denunciante, che aveva conservato i codici di accesso alla carta prepagata della moglie, utilizzandoli per pagare gli acquisti destinati alla sua nuova giovane compagna, connettendosi alla rete web dall’abitazione di quest’ultima. L’uomo che si è dichiarato pentito e pronto a risarcire i danni è stato comunque denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona per truffa telematica, mentre l’ex consorte non ha voluto ritirare la querela.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X