facebook rss

I carabinieri celebrano
i 203 anni dell’Arma (Fotogallery)

CERIMONIA – Sfilata dei gonfaloni e rassegna dello schieramento dei reparti speciali alla caserma della legione Marche Giovanni Burocchi. L’elenco dei premiati con gli encomi per gli interventi nelle zone del sisma
lunedì 5 giugno 2017 - Ore 20:44
Print Friendly, PDF & Email

Il comandante regionale Salvatore Favarolo passa in rassegna lo schieramento dell’Arma

 

Nell’anno più duro per la Regione, la Legione Marche dei carabinieri ha celebrato l’anniversario della fondazione dell’Arma. Nel pomeriggio al comando regionale di Ancona si è tenuta la cerimonia per i 203 anni dei carabinieri, con la consegna degli encomi per le attività e gli interventi nelle zone del sisma di agosto e ottobre 2016. Il comandante regionale generale Salvatore Favarolo ha passato in rassegna lo schieramento dei reparti speciali, delle rappresentanze dei comandanti di stazione, dei militari in servizio al comando della legione e dei militari in congedo. Presenti inoltre i rappresentanti dei delegati del consiglio di base di rappresentanza (Cobar). Durante la cerimonia hanno sfilato i gonfaloni del Comune di Ancona, della Regione e della Provincia. Gli encomi solenni per le attività e gli interventi durante il sisma sono andati ai comandanti provinciali di Macerata e Ascoli, i colonnelli Stefano Di Iulio e Ciro La Volla, ai marescialli capo Vincenzo Albanesi e Gianluca Chelli, al maresciallo ordinario Massimo Fabiani, al brigadiere Sandro Di Nino, ai vice brigadieri Giuseppe Meco e Piergiuseppe Monteforte, agli appuntati scelti Mario Mignini, Romolo De Matteis, Fabrizio Traini, Daniele Bruni e Cristian Saputelli. Per i carabinieri forestali, l’encomio solenne è stato riconosciuto all’appuntato Simone Formichella, agli appuntati scelti Antonio Andreani, Luigi Morganti, Augusto Pignotti, ai carabinieri scelti Arnaldo Galante, Roberto Innamorati e Gianni Ottaviani, al maresciallo ordinario Marco Fazzini e al maresciallo Gianluca Baiocchi.

(foto Giusy Marinelli)

Rapine e furti in calo, ma le Marche sono al centro di un fiume di droga dai Balcani

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X