facebook rss

Bruciore a gola e occhi,
scatta l’allarme in ospedale

JESI - Dopo il pranzo, un anziano degente e la sua badante hanno segnalato il disagio e l'irritazione alla vie aree al personale sanitario del quarto livello del 'Carlo Urbani'. Ma hanno dato esito negativo i successivi monitoraggi ambientali svolti per due ore dai vigili del fuoco nella ricerca di concentrazioni abnormi di sostanze organiche e tossiche nell'aria del reparto
domenica 3 Settembre 2017 - Ore 20:32
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale Carlo Urbani di Jesi (foto d’archivio)

La sensazione di irritazione e bruciore alla gola e agli occhi avvertita stamattina da un anziano degente in un stanza del quarto livello dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi e dalla sua badante ha fatto scattare l’allarme, poco dopo l’ora di pranzo di oggi. Alle 12.45 i vigili del fuoco jesini hanno iniziato i monitoraggi ambientali per la valutazione della concentrazione di sostanze organiche presenti nell’aria nel reparto, escludendo alla fine che si fossero verificate fughe di gas o di  sostanze acide dalle apparecchiature o dai laboratori dell’ospedale.

Quando i pompieri sono arrivati il personale sanitario aveva già trasferito l’anziano in un’altra camera ma altri familiari di pazienti  avevano manifestato gli stessi disagi anche se nessuno è dovuto ricorrere alle cure mediche. Dopo il sopralluogo accurato, non sono stati rilevati valori abnormi.

Per due ore i pompieri hanno scandagliato con le loro strumentazioni tutti i locali e le apparecchiature in dotazione alla Chirurgia breve; Pediatria e Neonatologia e degli ambulatori di Ostetricia. Ginecologia, e Neonatalogiapediatria, Oculistica, Odontostomatologia e Otorino per escludere sversamenti o fuoriuscite di qualsiasi genere di liquido o gas. E stato anche analizzata l’area del cortile sul quale si affacciava la finestra della stanza del paziente con l’irritazione, per appurare se si fosse scatenata qualche esalazione tossica originata magari dalla reazione chimica della pioggia sul terriccio arso da tanti giorni di sole.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X