facebook rss

Idrusa domina la Regata del Conero
In un’ora taglia il traguardo e vince

ANCONA - Rispettati i pronostici. Il gigante del mare dei fratelli Montefusco si aggiudica il titolo. Il campione del mondo Alberto Rossi tra la folla al Passetto per seguire la gara
domenica 17 Settembre 2017 - Ore 22:26
Print Friendly, PDF & Email

Le vele spiegate per la Regata del Conero

 

Gli spettatori al Passetto per seguire la gara

 

foto di Giusy Marinelli

Il meteo stavolta non ha giocato nessun brutto scherzo. Anzi. Il vento di questa mattina ha fatto filare veloci le vele. Così il gigante del mare Idrusa- Minoan Lines dei fratelli Montefusco, ha tagliato il traguardo della 18esima Regata del Conero in poco più di un’ora. Alle 12.10 l’equipaggio era il campione indiscusso, come annunciato dai migliori pronostici. Medaglia d’argento per Zerocould-Abruzzo dell’armatore Danilo Falzitti mentre sul terzo gradino del podio è salito Paolo Andreani con la sua Salingi. Quarta, nella classifica generale, Freccia del Chienti, la barca nuova di Trinca del civitanovese Piero Paniccia, che ha però dominato la classifica di categoria.

Si è dovuto attendere una settimana di più, ma la Regata del Conero ha regalato come ogni anno spettacolo ed emozioni. Alle 11 la città si è fermata per aspettare il suono della sirena e vedere le barche partire. In molti hanno scelto la scalinata del Passetto per guardare le quasi 120 vele darsi battaglia sulle acque. Grandi e bambini ugualmente affascinati dalla moltitudine degli scafi e tutti in attesa di vedersi gonfiare gli spinnaker colorati. Ma in tanti hanno anche scelto il belvedere di Portonovo come punto di osservazione privilegiato.

Il campione del mondo di vela, Alberto Rossi

A scrutare con occhio tecnico la regata anche il campione del mondo, Alberto Rossi, che questa volta ha deciso di vivere la gara da terra, di fronte al Monumento ai Caduti dove Paolo Cori ha commentato in diretta la regata, passando i microfoni ai suoi ospiti, dal vicesindaco Pierpaolo Sediari a Leonardo Zuccaro, direttore di Marina Dorica e del comitato organizzatore della manifestazione all’assessore ai Lavori pubblici, nonché esperto velista, Paolo Manarini, presidente di Assonautica,  che aveva la sua Alfados in gara.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X