facebook rss

Giungla di traffico in via Colombo,
pedone investito: è a Torrette

OSIMO - Oggi pomeriggio l'ennesimo incidente stradale nei pressi della pasticceria Lombardi. Il 57enne osimano nel cadere a terra si è procurato una brutta contusione al bacino
Print Friendly, PDF & Email

Un incidente in via Colombo (foto d’archivio)

Una brutta contusione al bacino e qualche decina di giorni di riposo. E’ finita con tanta paura e le medicazioni al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette, la disavventura stradale per un 57enne osimano che nel tardo pomeriggio di oggi stava tentando di attraversare una via Colombo con il traffico incolonnato nei pressi della pasticceria Lombardi. Erano circa le 17.15 quando G.P., è stato investito da una guidata da Renault Twingo, guidata da un reduce di guerra 90enne, F.L. nativo di Pescara ma residente ad Osimo. L’incidente è avvenuto in un punto della viabilità cittadina, già teatro di altri investimenti di pedone, soprattutto nelle ore serale perchè la zona è poco illuminata e la strada è congestionata dal traffico a tutte le ore.

La polizia locale di Osimo

L’uomo stava attraversando via Colombo per raggiungere il centro Bignamini, quando per motivi in corso di accertamento da parte della Polizia locale è stato falciato dalla berlina che era ferma nel traffico. Quando la colonna di mezzi è ripartita, l’automobilista non si è reso conto che il pedone era già sulle strisce pedonali per attraversare. Nell’impatto con il mezzo l’uomo è scivolato sull’asfalto e ha battuto con violenza il bacino. Un’ambulanza della Croce Rossa di Osimo in servizio di 118 l’ha accompagnato al pronto soccorso di Ancona. L’osimano non sarebbe in pericolo di vita. Ogni nuovo incidente riapre il dibattito sulla pericolosità di via Colombo, tratto comunale della Sp Settempedava, interpuntato da diverse attraversamenti pedonali ma che taglia in due il centro abitato di Osimo, punto critico della viabilità osimana che svetta da anni nella hit della classifiche della Pm per il numero di incidenti stradali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X