facebook rss

Tari meno cara e opere pubbliche:
Senigallia approva
il bilancio di previsione 2018-2020

ECONOMIA - Approvato ieri il nuovo esercizio economico finanziario che non aggrava la pressione fiscale e prevede ritocchi solo per la tassa di soggiorno. "Questo bilancio si improntato a concretizzare entro il prossimo marzo il percorso avviato per la costituzione dell’Unione dei Comuni" ha annunciato il sindaco Maurizio Mangialardi
venerdì 22 Dicembre 2017 - Ore 15:07
Print Friendly, PDF & Email

Nella seduta di giovedì 21 dicembre il consiglio comunale di Senigallia ha approvato il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2018-2020. Un bilancio sano dal punto di vista finanziario, capace di coniugare coesione sociale, equità fiscale e virtuosità, e che vedrà gli oneri di urbanizzazione, così come le entrate derivanti dal recupero dell’evasione tributaria e dalle sanzioni al codice della strade, destinati interamente agli investimenti e non al finanziamento della spesa corrente. “Siamo molto soddisfatti – commenta il sindaco Maurizio Mangialardi – di essere riusciti ad approvare il bilancio entro la fine del 2017 perché ciò significa entrare nel nuovo anno già pienamente operativi e pronti a dare eseguibilità agli investimenti, a partire dalla manutenzione straordinaria di via Cellini, dalla realizzazione delle rotatorie della Penna e alla Cesanella e dello skatepark, e dalla riqualificazione di impianti sportivi come il Bianchelli e il campo da calcio di Marzocca. Credo che, nonostante il persistere delle difficoltà che gravano oggi sui bilanci di tutti gli enti locali, siamo riusciti a fare un ottimo lavoro anche sulla politica fiscale comunale. Non solo, infatti, il bilancio non prevede aumenti, ma nel caso della Tari abbiamo abbassato sensibilmente le aliquote sia per le famiglie che per le imprese. Gli unici incrementi, peraltro modesti, non riguarderanno i tributi dovuti dai cittadini, bensì la tassa di soggiorno. Fondamentale, poi, è stata la salvaguardia della no tax per i redditi più bassi. Questo è stato reso possibile grazie alla programmazione puntuale contenuta nel Dup, la quale ha tra l’altro permesso di garantire tutti gli equilibri e il pareggio di bilancio. Ringrazio l’assessore Gennaro Campanile, il presidente della commissione Luca Santarelli, la dirigente Laura Filonzi e tutta la struttura per il lavoro svolto nella redazione del bilancio, nonché il presidente del consiglio comunale Dario Romano, e con lui tutti i consiglieri che hanno offerto il proprio contributo durante la discussione in aula”.

Maurizio Mangialardi

“Voglio poi rimarcare – sostiene il sindaco – come questo bilancio si improntato a concretizzare entro il prossimo marzo il percorso avviato per la costituzione dell’Unione dei Comuni. Un progetto che doterà il territorio di uno strumento amministrativo efficace e innovativo, in grado di offrire migliori servizi, risparmio della spesa, maggiori investimenti, semplificazione della macchina amministrativa, mettendo insieme comunità con dimensioni, vocazioni e tradizioni diverse per valorizzare ogni singola peculiarità e affrontare in maniera sinergica ciascun bisogno”. Dal bilancio emerge anche un altro aspetto meritevole di essere sottolineato, ovvero quello di come oggi l’Amministrazione comunale possa contare un rapporto tra il numero dei dipendenti comunali e la popolazione pari a 1 su 151, ben al di sotto della media nazionale che è di un dipendente ogni 141 abitanti. Ciò consentirà in futuro al Comune di usufruire di un turnover dei lavoratori al 75%, garantendo così la massima efficienza della macchina amministrativa. “Un ringraziamento particolare – aggiunge l’assessore al Bilancio Gennaro Campanile – va alle associazioni di categoria e ai sindacati, con i quali abbiamo costruito un proficuo percorso di confronto per garantire equità, tutela delle fasce più deboli e sviluppo economico. Importante è anche l’impegno che ci siamo presi per reperire i finanziamenti necessari alla riapertura della Chiesa delle Grazie e alla riqualificazione di piazza Simoncelli”.

L’Unione dei Comuni è realtà: lo statuto approvato in consiglio comunale

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X