facebook rss

Calci e pugni alla compagna,
poi scatena la rissa in ospedale

ANCONA – Arrestato dai carabinieri un 40enne, dopo aver picchiato la donna, la violenza è proseguita al pronto soccorso con l'aggressione a due guardie giurate. Scatenato, l'uomo ha distrutto anche l'albero di Natale
mercoledì 27 Dicembre 2017 - Ore 12:10
Print Friendly, PDF & Email

Carabinieri a Torrette, foto d’archivio

 

Manda la compagna al pronto soccorso a furia di calci e pugni, poi scatena la sua rabbia contro due guardie giurate in servizio all’ospedale di Torrette e sfascia anche l’albero di Natale. E’ stato arrestato ieri dai carabinieri della stazione di Collemarino un 40enne di origine aquilana per maltrattamenti in famiglia, lesione personali e danneggiamento aggravato. L’uomo, nel giorno di Santo Stefano, è stato arrestato in flagranza di reato dai militari, dopo aver provocato una colluttazione all’interno dei locali del pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette ad Ancona. L’uomo era in ospedale con la sua compagna, che aveva aggredito a colpi di calci e pugni, provocando lesioni giudicate guaribili in sette giorni. L’uomo tuttavia, non pago di quanto fatto alla donna, ha avuto un’esplosione di ira anche contro le due guardie giurate in servizio al nosocomio, arrivando perfino a distruggere l’albero di Natale. Soltanto l’intervento dei militari ha fermato l’uomo che a questo punto ha chiesto di essere graziato. “Lasciatemi libero, oggi è il mio compleanno” avrebbe spiegato ai carabinieri. Previsti per questa mattina l’udienza di convalida ed il giudizio direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X