facebook rss

Osimo Stazione, frontale tra auto
sulla Statale 16: è morta
la mamma dei tre bambini

TRAGEDIA - L'incidente è avvenuto alle 18.30 nei pressi del distributore di metano. Sono stati ricoverati al Salesi ma stanno bene i figli della donna di 43 anni, nativa di Ancona, deceduta dopo 2 ore di agonia. E' stato medicato invece all'ospedale di Osimo l'autista jesino del furgone
giovedì 28 Dicembre 2017 - Ore 19:01
Print Friendly, PDF & Email

I due mezzi coinvolti nell’incidente sulla Ss16. Il tratto stradale è poco illuminato ed i vigili del fuoco hanno fatto luce con i fari del loro mezzo per aiutare la Pm di Osimo a rilevare gli estremi del sinistro

Non ce l’ha fatta Manuela Discepoli. La lauretana di 43 anni, è morta stasera all’ospedale regionale di Torrette dopo due ore di agonia dal grave scontro frontale avvenuto verso le 18.30 sulla Ss 16,sul tratto rettilineo vicino al distributore di metano di Osimo Stazione. La mamma nativa di Ancona, era in auto con i suoi 3 bambini, di età dai 2 ai 6 anni, e stava rientrando a casa a Loreto, quando il mezzo si è scontrato con un furgone, un Fiat Scudo, di una ditta di Jesi, guidato dal 52enne jesino C.C..

La dinamica del sinistro è ancora al vaglio della Polizia locale di Osimo ma secondo una prima ricostruzione la Fiat Multipla, a bordo della quale viaggiava la famigliola, sarebbe entrata in collisione con l’altro mezzo in arrivo sulla corsia di marcia opposta, come se la conducente avesse perso il controllo della guida per motivi imprecisati. L’impatto è stato violento e le condizioni della donna, che lavorava come parrucchiera a Torrette di Ancona,  sono apparse subito gravissime ai primi soccorritori.

Manuela Discepoli in un momento di gioia con i suoi bambini

Sul posto sono arrivati in tempi record i vigili del fuoco di Osimo, le automediche del 118 di Osimo e di Torrette con a bordo il medico per la rianimazione cardio-polmonare dell’eliambulanza e le ambulanze della Croce Gialla di Camerano, della Croce Rossa di Osimo, della Croce Verde di Castelfidardo e della Croce Bianca di Numana. La donna è stata rianimata sul posto mentre i suoi tre figli, due bambine e un bimbo, sono state trasferiti al Salesi. Stanno tutti e tre bene, solo il piccolo  di 5 anni presenta una frattura ad un braccio. L’autista del furgone è  stato invece accompagnato all’ospedale di Osimo con un sospetto trauma al rachide cervicale. Per consentire le operazioni di soccorso, permettere i rilievi dell’incidente e il sequestro dei mezzi, sono confluiti sul posto anche i carabinieri del Radiomobile di Osimo per regolamentare il traffico perchè sulla Statale Adriatica, nell’ora di punta, si erano formati lunghi incolonnamenti di auto. La Ss 16 è stata riaperta solo alle 21.20 di stasera dopo l’intervento anche degli operai dell’Anas. Manuela è morta poco prima delle 20.30 al pronto soccorso dell’ospedale dorico mentre i medici tentavano inutilmente di fermare l’emorragia interna prodotta dai traumi profondi. La salma si trova all’obitorio dell’ospedale regionale, a disposizione della magistratura. Una tragedia che ha sconvolto tutti.

(servizio aggiornato alle 21.10)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X