facebook rss

Creme a base di bava di lumaca
ma è un fake: 56enne a processo

ANCONA - La donna è imputata con l'accusa di frode nell'esercizio di commercio perchè avrebbe venduto alle fiere di Jesi e Senigallia dei prodotti con caratteristiche diverse rispetto a quanto riportato sulla confezione
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Ancona

 

Vende dei prodotti cosmetici a base di bava di lumaca ma le creme non sono conformi a quanto dichiarato sulla confezione. È con l’accusa di frode nell’esercizio del commercio che è finita sul banco degli imputati un’ambulante di 56 anni residente in provincia di Brescia. Per la procura, la donna – che gira le fiere italiane per vendere articoli di cosmesi – avrebbe venduto oltre 60 confezioni di creme viso rigeneranti spacciandole per prodotti brevettati da una ditta in provincia di Mantova e specializzata nella produzione di cosmetici a base di bava di lumaca. Seconda le contestazioni, la 56enne avrebbe adottato le confezioni della ditta, riempendole però di una crema diversa da quella descritta sull’etichetta. Il processo si è aperto ad Ancona perché le creme sarebbero state vendute alla fiera di San Settimio di Jesi e alla campionaria di Senigallia, tra l’agosto e il settembre 2013. La denuncia era stata sporta dalla società mantovana che aveva ricevuto decine di lamentele, tra chiamate e mail, da parte delle clienti che avevano comprato i prodotti al banco della 56enne, infuriate per l’inefficacia del prodotto acquistato. La crema venduta alle fiere, secondo quanto emerso durante l’udienza di oggi, avrebbe irritato la pelle di alcune acquirenti, facendo addirittura allergia. La ditta lombarda, inizialmente, aveva pensato si potesse trattare di un difetto dovuto a un’alterazione di calore del prodotto. Poi, una volta analizzato, era emerso che la crema contenuta nella loro confezione non aveva le caratteristiche, per colore, profumo e consistenza, del prodotto da loro messo in commercio. Da lì, la denuncia che, oggi, è stata ripercorsa dalle responsabile dell’ufficio brevetti, una donna di 61 anni residente in Austria. Durante la prossima udienza, il 12 aprile, verrà ascoltata l’imputata che rigetta ogni accusa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X