facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Meno evasori a bordo,
più biglietti ed abbonamenti venduti

TRASPORTO - Il 2017 di Conerobus si chiude con la diminuzione dei passeggeri abusivi, obiettivo dell'anno appena concluso. La lotta all'evasione continuerà anche nel 2018, anno che sarà segnato da assunzioni e acquisto di nuovi mezzi. La novità della pagella degli utenti con l'indagine Mistery Client
Print Friendly, PDF & Email

da sx: Papaveri, presidente di Conerobus, Simonella, assessore al Trasporto pubblico, Porsciutti e Talamonti di Conerobus

 

La pagella degli utenti dà un 8 pieno al servizio di Conerobus, nonostante poco più della sufficienza per quanto riguarda lo stato delle fermate. È il risultato dell’indagine Mistery Client condotta dall’azienda del trasporto pubblico per il 2017. Un anno, quello che passato, che si è chiuso con il miglioramento dei dati sull’evasione, che scende complessivamente dal 7% al 5,3% e dal 5,2% al 4,5% per quanto riguarda il servizio urbano. La lotta ai “portoghesi” era l’obiettivo con cui si era aperto lo scorso anno, con l’introduzione di misure ad hoc: dalla campagna di comunicazione alla sperimentazione dell’entrata esclusivamente dalle porte anteriori a quella dei tornelli a bordo. Tra le novità anti evasori quella dei tornelli quella dai risultati più controversi. Efficace contro i passeggeri abusivi, ma poco praticabile sulle linee ad alta frequentazione dove la media di percorrenza è aumentata di 5 minuti (linea di sperimentazione N). «Anche 5 minuti rappresentano una difficoltà per il servizio su quelle linee non solo molto frequentate ma che sono incastrate per le coincidenze con altre» spiega il presidente di Conerobus Muzio Papaveri. Nonostante alcune ripercussioni negative, la misura non verrà abolita. «Per il 2018 saranno installati tre nuovi tornelli su tre nuove linee ma tra quelle meno frequentate − continua Papaveri −. La sperimentazione sulle linee in fascia oraria morbida (sperimentazione linea I) non ha portato, infatti, a nessun aumento dei tempi di percorrenza».

Dunque la lotta all’evasione continuerà anche nel 2018, un anno che sarà segnato soprattutto dalle novità nell’ambito di parco mezzi e personale. Completamente rottamati i mezzi euro zero e ridotti gli euro 1 e 2 (ne restano 39 su 227), a giugno arriveranno altri 11 nuovi veicoli extra-urbani scarsamente inquinanti e tra settembre ed ottobre 15 nuovi mezzi urbani, mentre si sta lavorando per inserire nella flotta mezzi elettrici. Sono già 35 i nuovi autisti dell’azienda ed altre selezioni saranno aperte nel corso dell’anno anche per il reparto manutentivo. «Puntiamo ad avere nostro personale nelle nostre officine» precisa Patrizio Carletti.

I DATI DEL 2017. Dai progetti futuri al bilancio dell’anno trascorso, segnato, oltre che dalla lotta all’evasione dalla fidelizzazione degli utenti. Sono stati 10,8 milioni i passeggeri trasportati in ambito urbano, con la crescita dell’8% degli abbonati in ambito urbano (leggera flessione in quello extraurbano -1%) ed anche dei biglietti acquistati ( grazie anche al recupero dei passeggeri abusivi) + 8% sempre sull’urbano +1% sull’extraurbano. Utenti sempre più smart. Nel primo trimestre del 2018 in quasi 7.500 hanno acquistato i titoli di viaggio con la app MyCicero e si stima che saranno 22mila alla fine dell’anno (contro i 18.153 del 2017 ed i 10.584 del 2016). In espansione anche l’acquisto tramite sms: 3.105 i titoli venduti nel primo trimestre del 2018, sono stati 9.667 nel 2017.

Più di 8 milioni i chilometri percorsi, di cui 3,7 milioni relativi ai collegamenti urbani, oltre il 10% dei quali finanziati dal Comune (circa 1,5 milioni di euro) per i servizi aggiuntivi, queli le navette gratuite per il Natale ed i grandi eventi, le navette notturne per gli studenti universitari, la linea sostitutiva fs dopo la soppressione della stazione marittima. «Una voce di bilancio che per noi rappresenta un investimento − le parole dell’assessore al Trasporto pubblico, Ida Simonella −. Il preconsuntivo dell’azienda si annuncia positivo, un aspetto importante se pensiamo da dove siamo partiti, con un’azienda in difficoltà».

(A. C.)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X