facebook rss

Dopo l’approccio social, lei lo rifiuta
Lui si vendica su Facebook: denunciato

FABRIANO - L'uomo, un 50enne, aveva chiesto l'amicizia a una 40enne fabrianese e aveva anche iniziato a chattare con lei su whatsapp. Quando si è spinto troppo oltre, la donna ha respinto le avance e lui per vedetta l'ha diffamata in Rete arrivando a minacciarla. Gli agenti del Commissariato di Ps dopo aver identificato l'utente, lo hanno ritenuto responsabile del reato di minacce e diffamazione aggravata
Print Friendly, PDF & Email


Il passo è stato breve dall’approccio social, al rifiuto di accettare le sue avance, fino alle minacce e alla notizie diffamatorie diffuse in Rete per vendetta. Un 50enne della provincia di Ancona è stato denunciato per minacce gravi e diffamazione aggravata dai poliziotti del Commissariato di Fabriano. La vittima è una 40enne fabrianese che ha chiesto aiuto alla Polizia. Il tutto è iniziato con un’amicizia concessa sui social network, poi naufragata a seguito degli insulti e delle minacce da parte dell’uomo ai danni della donna. La 40enne l’aveva accettata dal 50enne. Aveva iniziato a conversarci, grazie anche ai rispettivi contatti whatsapp, perchè l’uomo, ad un certo punto, le ha dato anche il suo numero di cellulare. La fabrianese, tuttavia, non lo ha mai chiamato ma ha comunicato con lui solo tramite l’applicazione social. L’uomo si è fatto progressivamente più audace e, appreso che il fidanzato della donna era fuori per lavoro e che la figlia della stessa era in vacanza, l’ha invitata a trascorrere qualche ora con lui.

Il dirigente del commissariato Sandro Tommasi

Ricevuto un secco rifiuto dalla donna, l’intraprendente corteggiatore ha cambiato totalmente atteggiamento verso di lei, tanto che il fidanzato della donna, appresa la notizia, ha provato a fargli capire l’inopportunità di quell’approccio, invitandolo a lasciarla in pace. Il 50enne, tuttavia, dopo averlo insultato, gli ha chiuso il telefono in faccia, interrompendo così ogni possibilità di dialogo. Evidentemente non soddisfatto, l’uomo ha proseguito insultando la donna su Facebook, dicendole di essere una poco di buono, minacciando anche pesantemente la coppia di fidanzati di fargliela pagare e lasciando intendere che -in passato- era già stato incarcerato per gravi reati contro l’incolumità delle persone. La donna, spaventata, si è rivolta subito con fiducia alla sezione Anticrimine del Commissariato di Fabriano, il cui personale l’ha prontamente tranquillizzata, assicurandole che non avrebbe avuto nulla da temere perché sarebbe stata preventivamente protetta da quell’uomo che stava denunciando. I poliziotti diretti dal commissario capo Sandro Tommasi, grazie ad una indagine informatica lampo, ancorché complessa perché il vero nome del reo non era esattamente quello utilizzato nel suo profilo social, ha identificato e denunciato il malintenzionato, che peraltro aveva effettivamente a suo carico gravi precedenti per lesioni e minacce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X