facebook rss

Sanità, Pergolesi (M5S):
“Ceriscioli convoca
i sindacati e non si presenta”

ANCONA - L’assenza all'incontro con le organizzazioni dei lavoratori è stata stigmatizzata dalla consigliera regionale. "Al suo posto, lunedì scorso, si è presentato Fabrizio Volpini, sorprendendo, e non poco, i tanti intervenuti che si aspettavano di confrontarsi con il presidente regionale" rimarca
Print Friendly, PDF & Email

Romina Pergolesi

Piano Socio-Sanitario, Ceriscioli convoca i sindacati poi non si presenta. Un’assenza all’incontro con le organizzazioni dei lavoratori stigmatizzata dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Romina Pergolesi, che commenta: «La filosofia politica ceriscioliana del “Famo come ce pare” è diventata la prassi». «Ceriscioli convoca i sindacati per discutere il Piano Socio-Sanitario regionale, poi manda Volpini al suo posto. Una scelta che denota mancanza di rispetto verso le persone e le istituzioni». Ad affermarlo è la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Romina Pergolesi, in riferimento all’incontro andato in scena lunedì 21 maggio. All’ordine del giorno vi era, appunto, il futuro della sanità delle Marche, da elaborare assieme alle organizzazioni sindacali.

«Nonostante sia stato proprio Luca Ceriscioli a mandare gli inviti – evidenzia Pergolesi -. Al suo posto si è presentato Fabrizio Volpini, sorprendendo, e non poco, i tanti intervenuti che si aspettavano di confrontarsi con il presidente regionale. Del resto, il Presidente della Commissione Consiliare confonde spesso il suo ruolo con quello di aspirante assessore alla Sanità, delegato dallo stesso Ceriscioli ma senza potere di firma. Non è un caso che lo sostituisca sovente in riunioni meramente esecutive in cui si raccolgono pareri su provvedimenti che poi, elaborati dalla Giunta, dovranno essere esaminati dalla Commissione presieduta da Volpini». Un atteggiamento che denota, a detta della consigliera pentastellata, «scarso rispetto verso le persone, in questo caso i sindacalisti, verso le istituzioni, tanta confusione sulla differenza tra funzione legislativa e funzione esecutiva, ma che accoglie in pieno la filosofia politica “ceriscioliana” del “Famo come ce pare”, che è diventata ormai la prassi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X