facebook rss

Il recupero dall’ictus con la realtà virtuale,
la sanità si rinnova con le start-up

ANCONA – Il progetto “Magic” della giovane azienda falconarese Tech4Care sarà presentato domani martedì 5 giugno alle 14 nella sede della Regione Marche a Palazzo Li Madou, come esempio della formula di appalto “pre-commerciale” pubblico-privato nella ricerca sanitaria
Print Friendly, PDF & Email

 

‘Magic’ è un progetto europeo perla riabilitazione da ictus basato sull’utilizzo della realtà virtuale. È stato realizzato dalla giovane start-up falconarese Tech4Carecon formula dell’appalto pre-commerciale, strumento sostenuto dall’Europa per contribuire all’innovazione del settore della ricerca sanitaria. Il tema è al centro del workshop “Le potenzialità degli appalti pre-commerciali per la collaborazione pubblico-privata in sanità”, in programma martedì 5 giugno alle 14 nella sede della Regione Marche, Palazzo Li Madou. “Il vantaggio degli appalti pre-commerciali – spiega Carlos Chiatti di Tech4Care, tra gli organizzatori – è la condivisione di rischi e benefici tra ente pubblico e imprese, dove lo sviluppo del prodotto finale, commissionato dall’amministrazione, passa attraverso un processo che va dal disegno della soluzione, alla creazione del prototipo, sino alla validazione attraverso una sperimentazione sul campo”.

Il convegno affronta l’argomento dalla prospettiva degli attori coinvolti, Commissione Europea, stazioni appaltanti e imprese. L’evento sarà introdotto dall’assessoraalle attività produttive della Regione Marche Manuela Bora. Prenderanno parte ai lavori, tra gli altri, Marieke van Putten, esperta della Commissione europea negli appalti pre-commerciali, Lucia Di Furia,Direttore del servizio Salute e dell’Agenzia Regionale Sanitaria e Patrizia Sopranzi, Dirigente Innovazione, Ricerca e Competitività della Regione Marche.

Nel corso del workshop, il team di Tech4Care presenterà i risultati del progetto europeo Magic, realizzato con la formula dell’appalto pre-commerciale e coordinato dalla Health & Social Care Board dell’Irlanda del Nord, a cui partecipa anche l’Azienda Ospedaliera Ospedali Riunitidi Ancona. Nel corso della prima fase del progetto, Tech4Care ha messo a punto una soluzione per la riabilitazione del paziente con ictus basata sull’impiego delle nuove tecnologie per la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale. 

Tech4Care (www.tech4care.it) è una start-up costituita nel 2015 come spin-off dell’UnivPm. Nata dall’idea di un gruppo di ricercatori nel settore sanitario interessati a trasferire l’innovazione dai progetti di ricerca alla clinica, Tech4Care agisce come un vero e proprio centro di ricerca e sviluppo per nuovi modelli e tecnologie per l’assistenza alle persone fragili, non autosufficienti e con malattie croniche. Lo staff è composto da giovani professionisti under 40 con una lunga esperienza in progettazione europea, ricerca e sviluppo nel settore salute e benessere, e competenze interdisciplinari in ambiti che vanno dalla domotica, alla realtà virtuale, allo sviluppo software, fino a studi epidemiologici e di economia sanitaria.
Realtà in crescita. Nel corso del 2017 e nei primi mesi del 2018 Tech4Care è stata una delle start-up europee più competitive, con oltre 500mila euro di finanziamenti ricevuti per la ricerca. Il tasso di successo dei progetti presentati e valutati positivamente è stato di oltre il 70%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X