facebook rss

Rubano due statuine fantasy
dal negozio: condanna soft per le ladre
Rischiavano sei anni

ANCONA - Se il pm aveva chiesto una maxi condanna, visti i precedenti delle due imputate, il giudice ha optato per una pena minore, di 18 mesi di reclusione. Entrambe erano accusate di aver portato via due raffigurazioni di fate da un esercizio commerciale di via Martiri della Resistenza
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Ancona

 

Rubano due statuine del valore di 150 euro da un negozio e il pm chiede la condanna a 6 anni di reclusione per ciascuna delle due imputate. Alla fine, se la sono cavata con 18 mesi di carcere. Questa la sentenza emessa questo pomeriggio dal giudice Luca Zampetti al primo piano del tribunale. Le ladre, due anconetane di 30 e 47 anni, erano finite sul banco degli imputati con l’accusa di furto aggravato per aver fatto sparire dallo scaffale di un negozio le riproduzioni di due fatine del valore complessivo di 150 euro. Il raid era andato in scena nel giugno 2011 in un negozio di via Martiri della Resistenza. Le bandite si erano finte clienti e, dopo aver fatto un giro per i corridoi, avevano adocchiato la futura refurtiva. Mentre una ladra distraeva la commessa, l’altra ne aveva approfittato per mettere le mani sulle fatine, facendole sparire. Una volta nascoste le statuine, le due se ne erano andate. La commerciante, però, si era subito accorta della sparizione. Uscendo dal negozio per lanciare l’allarme, aveva visto le due finte clienti salire a bordo di un’auto e sfrecciare via. In quel contesto, era riuscita a segnarsi la targa della vettura. Da quel particolare, gli investigatori sono risaliti al nome delle due imputate. Una richiesta di condanna così alta, a fronte di una refurtiva di un valore esiguo, è giustificata dal fatto che entrambe le ladruncole hanno precedenti specifici. Per questo, la procura aveva contestato la recidiva. Il giudice, invece, ha optato per un pena minore, ravvisando la lieve entità del fatto che ha quindi annullato le aggravanti presenti nel capo d’imputazione. Il negozio derubato non si è costituito parte civile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X