facebook rss

Lardini Volley, arriva anche
la centrale Giulia Pisani

PALLAVOLO FEMMINILE A2 - La giocatrice è stata ufficializzata dopo essere allenata lo scorso anno per un mese con le rosanero. Il neo acquisto: "Sono pronta a dare il mio contributo alla squadra"
lunedì 9 luglio 2018 - Ore 14:42
Print Friendly, PDF & Email

Giulia Pisani

 

Le strade della Lardini e di Giulia Pisani tornano ad incrociarsi, ma stavolta in maniera ufficiale. La giocatrice pisana, 26 compiuti il 4 giugno, 184 centimetri, che tra metà novembre e metà dicembre del 2017 si era allenata con la formazione filottranese, va così a comporre con Asia Cogliandro e Ilaria Garzaro il reparto centrali della Lardini 2018/2019. “Ci ritroviamo e sono contenta – confessa Giulia Pisani, che ha appena terminato il Piso Summer Camp –. La scorsa stagione ero arrivata in una fase in cui le cose non andavano bene, probabilmente ero capitata nel momento sbagliato. Ma non c’era stato alcun problema, anzi erano stati tutti molto gentili con me. Ci tengo a ringraziare la società di Filottrano per questa nuova opportunità”. Che per la centrale toscana arriva dopo una stagione al box, nella quale è cresciuto il desiderio di tornare a calcare i taraflex della serie A. “Mi sto tenendo in forma con il beach (in coppia con Chiara Puccini, nel prossimo week-end sarà impegnata a San Benedetto del Tronto, ndr). So di essere stata ferma un anno, ma sono pronta a riprendere per giocarmi il posto e dare il mio contributo alla squadra. Se lavori sodo tutto il resto viene da sé”. Giulia Pisani riparte dalla Lardini dopo aver legato il suo nome a quello di Busto Arsizio, con cui ha militato in A1 per cinque stagioni, dal 2011 al 2017, con la parentesi all’Ornavasso di coach Bellano nel 2013/2014. Con la formazione bustocca, di cui è stata capitana, ha firmato da protagonista il triplete (scudetto, coppa Italia e Cev) del 2011/2012 e la Supercoppa Italiana della stagione successiva. Per l’ex campionessa del mondo under 20 adesso c’è un nuovo capitolo da scrivere a Filottrano. “Con un gruppo fatto da tante nuove giocatrici ci sarà anzitutto da costruire una… squadra. Credo molto nell’affiatamento, perché quando si pensa da squadra anche le qualità individuali vengono fuori al cento per cento. Penso che potremo toglierci delle belle soddisfazioni”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X