facebook rss

Via i binari alla Marittima, Rubini (Aic):
«Ancona dice addio alla metropolitana
di superficie, errore strategico»

LAVORI - Si sta smantellando il tratto di linea ferrata che collegava Ancona Centrale ad Ancona Marittima. Lo stop dei treni al porto nel 2015
Print Friendly, PDF & Email

I binari smantellati nella zona del Mandracchio

 

«Le foto dello smantellamento definitivo dei binari interni al porto diretti alla stazione marittima fanno davvero male.Fanno male alla città ed al territorio anconetano nella sua interezza, fanno male ai tanti pendolari che per anni hanno utilizzato quei binari; fanno male alle tante realtà associative e politiche che negli ultimi anni si sono battute contro la chiusura della stazione marittima». Così il consigliere comunale di Altra Idea di Città, Francesco Rubini, commenta i lavori di rimozione dei binari nel tratto tra la stazione centrale e la marittima nell’area del Mandracchio.
«Questa città, dunque, dice addio al progetto di metropolitana di superficie che avrebbe permesso al territorio locale, da Osimo a Senigallia, di sperimentare una mobilità su ferro veloce ed efficace in controtendenza al traffico su gomma ormai dai flussi insostenibili. Diciamo addio alla possibilità di entrare nel cuore della città senza inquinare, addio ad un’idea futuristica di Inter-modalità. Un altro grave errore strategico da parte dell’amministrazione comunale, un duro colpo al futuro del capoluogo dorico, privato di un’altra possibilità di sviluppo».

Smantellati i binari tra Ancona Centrale e Ancona Marittima, i Cinque Stelle: «Portato a termine un progetto scellerato»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X