Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

Crolla intonaco, paura alle De Amicis
l’assessore Manarini:
«I calcinacci non sono della scuola»

ANCONA - Questa mattina l'allarme della direzione della scuola e dei genitori che hanno notato del materiale a terra. L'assessore al Lavori pubblici assicura che non si è trattato di un crollo proveniente dal tetto dell'edificio scolastico. «Il materiale non è compatibile con quello della struttura, qualcuno ha trasportato ed abbandonato lì quei calcinacci»
Print Friendly, PDF & Email

Le scuole De Amicis di corso Amendola ad Ancona transennate per i crolli di intonaco

 

 

Crolla l’intonaco dall’ingresso della scuola. Paura alle De Amicis di corso Amendola ad Ancona. Ma è un falso allarme. I calcinacci che genitori e personale della scuola hanno trovato questa mattina all’angolo tra corso Amendola e via Cesare Battisti non apparterrebbero ai cornicioni dell’edificio, ma sarebbero stati abbandonati là, trasportati da un altro luogo. Ad affermarlo l’assessore al Lavori pubblici, Paolo Manarini. «Tutto riscontrabile dai verbali dei vigili del fuoco che sono intervenuti sul posto», assicura Manarini. A dare l’allarme ai pompieri questa mattina la direzione della scuola che ha notato, allertata da alcuni genitori, del materiale al suolo. Temendo si trattasse di crolli di intonaco dall’alto dell’edificio sono scattati i controlli di sicurezza. Tanta la paura, acuita dalle recenti vicende che vedono proprio la scuola De Amicis sottoposta alle indagini a tappeto del Comune per la vulnerabilità sismica. Paura del tutto infondata per l’assessore Manarini che afferma: «Non c’è stato alcun crollo, i vigili del fuoco hanno messo i nastri di sicurezza per poter verificare quanto accaduto. Dalle verifiche che hanno effettuato e dal verbale che hanno sottoscritto emerge che il materiale a terra non è compatibile con quello della scuola. Se c’è qualcosa di preoccupante è il fatto che qualcuno abbia trasportato ed abbandonato lì quel materiale. Non si tratta di una cartaccia, ma di calcinacci». Eppure i vigili del fuoco, che hanno da subito escluso una situazione di pericolo, sono intervenuti sul cornicione. «Un intervento del tutto precauzionale, hanno notato un rigonfiamento dell’intonaco e poiché si trovavano sul luogo hanno provveduto a rimuoverlo, ma non c’è alcun pericolo. Per di più è già previsto per le scuole De Amicis un progetto da 60mila ero per la riqualificazione di tutti i decori della facciata». Dunque nessun distacco dai cornicioni. Ma non bastano le parole di Manarini per evitare gli attacchi dell’opposizione. Il consigliere comunale, Daniele Berardinelli (FI) sottolinea come «Già prima dell’estate avevamo assistito ad un episodio simile. Nonostante le continue sollecitazioni ad intervenire che facciamo da anni per mettere in sicurezza questa e le altre scuole anconetane, continuano a verificarsi casi del genere. Eppure abbiamo dovuto assistere ancora una volta alla faccia tosta dell’assessore Manarini in risposta alla mia interrogazione urgente nell’ultimo Consiglio comunale, che riportava cinque verifiche di vulnerabiltà sismica effettuate in cinque edifici scolastici tra cui proprio le De Amicis, in realtà non ancora effettuate. Sino a quando durerà la irresponsabilità della Giunta Mancinelli e dei consiglieri di maggioranza che sembrano voler evitare di affrontare la situazione seriamente? Dobbiamo aspettare danni più seri e far rischiare l’incolumità dei bambini prima di intervenire e mettere in sicurezza le scuole?».

(Servizio aggiornato alle 19:30)

Vulnerabilità sismica delle scuole: ventotto plessi sotto indagine

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X