facebook rss

Mezzo milione per far rinascere Villa Beer:
attesi nel 2019 i finanziamenti
per la messa in sicurezza

ANCONA – Valutato come inagibile dopo le scosse del 2016, l'edifico all'interno del parco in zona Grazie ha scalato la classifica delle priorità di intervento in ambito comunale, arrivando al secondo posto
Print Friendly, PDF & Email

Villa Beer

 

Un nuovo inizio per Villa Beer. Vittima del degrado prima e delle scosse di terremoto dell’ottobre 2016 – che l’hanno reso inagibile – poi, l’edificio storico nel cuore del quartiere Grazie rischiava di trasformarsi nell’ennesimo rudere destinato all’abbandono. Sembra però che la parabola discendente del gioiellino immerso nel verde stia per interrompersi. Oggetto di un’interrogazione di Massimo Mandarano (Pd) oggi in Consiglio comunale, sul futuro dell’immobile ha relazionato l’assessore alla Manutenzione Stafano Foresi che, aggiornando la road map, ha fatto sapere sapere che per la messa in sicurezza dell’edificio è stato stimato un costo di 516 mila euro. «Con un’ordinanza del novembre 2016 – ricostruisce le tappe – sono state sospese tutte le attività al suo interno e le associazioni che vi operavano sono state ricollocate. Dopo il sopralluogo del 20 aprile 2018, l’edificio è stato dichiarato inagibile, in due schede Aedes, a causa dei danni subiti in seguito al terremoto dell’ottobre 2016. L’amministrazione ha disposto però il passaggio dal 5° al 2° posto nella lista di priorità degli interventi in ambito comunale (la 1° posizione spetta ad alcuni locali della Mole, ndr), approvato dal Centro coordinamento regionale per il sisma di Macerata. Il prossimo finanziamento sarà dunque destinato a Villa Beer e speriamo che il Centro ci faccia arrivare le risorse per la messa in sicurezza già nel 2019, così da poter andare a gara». Risorse, si diceva, stimate in 516 mila euro.

Dopo le scosse, l’immobile aveva riportato vistose crepe al suo interno e la biblioteca con oltre 6 mila volumi e l’archivio storico di Italia Nostra, il salone e tutti gli altri locali erano stati interdetti al pubblico. Erano inoltre state ricollocate in altri luoghi la ludoteca La Nuvola e le altre associazioni che avevano sede nella villa. Ora però, l’edificio potrebbe tornare a nuova vita e, forse, con esso, anche il parco che lo circonda, da troppo tempo in stato di degrado.

(Ma. Mar.)

Danni del sisma, Villa Beer e San Domenico senza fondi Sperano gli sfollati di Vallemiano

Chiusa Villa Beer, è inagibile

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X