facebook rss

‘Patto per la scienza’ bipartisan di Burioni,
c’è il sostegno dell’immunologo Silvestri

MIRACOLO - Lo scienziato senigalliese, che lavora alla Emory University School of Medicine di Atlanta ed è considerato tra i massimi esperti mondiali nella ricerca sull’infezione da Hiv, è stato tra i primi a sottoscrivere il testo del virologo Roberto Burioni, condiviso anche da due avversari politici, Matteo Renzi e Beppe Grillo. Un 'miracolo' in nome della scienza
giovedì 10 Gennaio 2019 - Ore 20:04
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani. Ha detto Albert Einstein che la ‘…scienza, al confronto con la realtà, è primitiva e infantile. Eppure è la cosa più preziosa che abbiamo..’. Oggi sono molto contento, perché due persone rivali e distanti sono d’accordo sul fatto che non possiamo permetterci di buttarla via”. Il post è stato scritto, oggi con grande soddisfazione, dal virologo Roberto Burioni sul sito e la pagina social di ‘Medicalfacts’. Il ‘patto per la scienza’ che sostiene la ricerca scientifica, contrasta la pseudomedicina ma unisce chi non la pensa allo stesso modo, ha però alzato un vespaio di polemiche proprio tra gli attivisti  no-vax del M5S, critici sulla scelta del cofondatore del movimento pentastellato di sottoscriverlo.

Guido Silvestri (a sinistra) in una foto dell’Emory University of Atlanta

Il merito di essere riusciti a far siglare una sorta di armistizio tra avversari politici, un ‘miracolo’ in nome della scienza va ascritto a due medici immunologi marchigiani, il pesarese Burioni e  il senigalliese Guido Silvestri, tra i primi a condividere e firmare il testo in difesa della ricerca. Lo scienziato senigalliese, in particolare, vive da molti anni oltreoceano, negli Usa. Il professore della Emory University School of Medicine di Atlanta, dove dirige un laboratorio di ricerca sull’infezione da Hiv. E’ considerato tra i massimi esperti al mondo ed è anche presidente dell’Agence Nationale de Recherche sur le Sida et les Hepatites in Francia.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X