facebook rss

Cannabis light, la Cassazione:
«Lecito il commercio»

SENTENZA - Annullati i sequestri della polizia ai negozi chiusi l’estate scorsa
Print Friendly, PDF & Email

 

 

La vendita della cannabis light e l’uso dei prodotti con essa realizzati e messi in commercio sono leciti. Questa la sentenza depositata ieri dalla sesta sezione penale della Cassazione. La Suprema Corte ha annullato senza rinvio il sequestro disposto dal Riesame di Macerata nei confronti di un 28enne di Civitanova, che aveva posto in commercio infiorescenze di cannabis. I negozi, quindi, non possono essere sottoposti a sequestri preventivi. La corte ha stabilito che «la liceità della vendita delle inflorescenze della canapa con una percentuale di thc entro lo 0,6% è un corollario logico-giuridico della liceità della coltivazione, permessa e promossa dalla legge 242 del 2016. Non va, quindi, considerata ai fini giuridici sostanza stupefacente soggetta alla legge sulle droghe. Risulta del tutto ovvio che la commercializzazione sia consentita per i prodotti della canapa oggetto del sostegno».

Tabaccheria chiusa per la cannabis light: «Prodotti acquistati regolarmente, la normativa è lacunosa»

Chiusa tabaccheria a Civitanova, vendeva cannabis light: decisiva segnalazione di alcune mamme

Caso “Cannabis light”, l’abbaglio della Circolare Olivero Thc sempre più pericoloso

Canapa light, riapre negozio a Piediripa Confermati i sequestri disposti dal gip

Cannabis light, i tabaccai dal questore: «Vietato vendere quei prodotti Continuano i sequestri»

Cannabis light, 2 negozi chiusi: il titolare fa ricorso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X