facebook rss

Eroina al parco del Vallato,
blitz dei Carabinieri: tre denunce

JESI - Il blitz dei Carabinieri è scattato nel primo pomeriggio
Print Friendly, PDF & Email

Carabinieri di Jesi durante un controllo al parco del Vallato

di Talita Frezzi

Allarme eroina al parco del Vallato. Erano stati alcuni frequentatori del parco a denunciare il rinvenimento di siringhe infilzate sulle panchine. E oggi i Carabinieri della Compagnia di Jesi sono riusciti a individuare e cogliere in flagranza di reato tre spacciatori della stessa sostanza, con le dosi e il materiale per il confezionamento e il consumo. Il blitz dei militari e del Radiomobile è scattato nel primo pomeriggio. Tre denunce sono il bilancio dell’operazione che ha portato anche al sequestro di 2 grammi di eroina. Si tratta di una delle attività programmate per il contrasto dello spaccio delle sostanze stupefacenti sul territorio e in particolare nell’area verde del parco del Vallato, sorvegliato speciale da mesi ormai. Il controllo mirato dei militari è scattato nel primo pomeriggio, come detto. Hanno pizzicato in flagranza tre uomini trovati in possesso di due grammi di eroina già confezionata e suddivisa in tre dosi pronta per essere ceduta.

La siringa trovata al parco del Vallato a ottobre.

Avevano anche una siringa e oggetti atti allo spaccio delle sostanze stupefacenti. Sono stati denunciati per detenzione illegale di sostanza stupefacente. I controlli dei militari continueranno incessanti anche nelle prossime settimane con servizi preventivi per il contrasto del fenomeno. E massima allerta anche per gli atti vandalici che si continuano a registrare ai danni del parco e degli esercizi commerciali nel cortile di palazzo Bettini, direttamente collegato con l’impianto di risalita del Vallato. L’ultimo episodio, due giorni fa. Due ragazzi incappucciati hanno preso a calci l’ascensore danneggiandolo, tanto che la Polizia locale ha dovuto chiudere l’impianto di risalita. Mezza giornata di stop forzato, poi il servizio è stato ripristinato. Ma è l’ennesimo gesto sconsiderato di una serie che sta mettendo a dura prova cittadini ed esercenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X