facebook rss

Elezioni Ctp, Berardinelli:
«Allestiti più seggi per le primarie Pd
che per il voto dei Consigli di quartiere»

ANCONA - Non si placano le polemiche sulla tornata elettorale delle nuove circoscrizioni, il consigliere comunale di Forza Italia lancia l'accusa: «Non è stata favorita la partecipazione. L'amministrazione targata Pd più interessata alle votazioni interne al partito che a quelle per gli organismi comunali di rappresentanza»
giovedì 28 Febbraio 2019 - Ore 20:34
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere comunale di Forza Italia, Daniele Berardinelli

 

Non si placano le polemiche sull’elezione dei Consigli territoriali di partecipazione ad Ancona. A sferrare l’attacco oggi il consigliere comunale di Forza Italia, Daniele Berardinelli. «Allestiti più seggi per le primarie del Pd di domenica prossima che per le elezioni dei Consigli territoriali di partecipazione». L’accusa dell’esponente azzurro. «Incredibile come la scelta e l’allestimento dei seggi sia stata effettuata in modo da penalizzare gli elettori dei Ctp − incalza il consigliere −, tanto che si è visto dai dati sull’affluenza». A dimostrazione della sua tesi, Berardinelli confronta il numero ed il posizionamento dei seggi elettorali allestiti per la tornata dei Ctp e quelli che saranno aperti per le primarie del Pd del 3 marzo. «Come per magia, le segnalazioni sulle situazioni che abbiamo già dall’anno scorso definito critiche per la partecipazione democratica dei cittadini sono rimaste inascoltate per le votazioni di sabato scorso (23 febbraio), mentre per le primarie dem sono invece state tenute in considerazione. Così domenica si avranno due seggi per il Quartiere Adriatico, uno in via Cesare Battisti ed uno in via Pietralacroce, (contro un solo seggio in via Cesare Battisti per i Ctp, ndr); due seggi per via Brecce Bianche e piazza Salvo d’Acquisto, con quest’ultimo che comprendente magicamente anche il seggio per i residenti di Passo Varano, seggio negato per il Ctp, (con i residenti di Passo Varano costretti a spostarsi a Varano per votare, ndr); e due seggi per il Piano e Posatora. Esattamente le richieste cadute nel vuoto fatte per i Ctp. Evidentemente per il Pd è più importante la partecipazione al voto interno di partito − sottolinea Berardinelli − piuttosto che il voto democratico per le elezioni comunali. Una pessima organizzazione, partendo dalla mancata pubblicità, che non si dovrà più verificare».

Consigli Territoriali di Partecipazione, tante donne e volti della società civile

I Consigli territoriali di partecipazione non fanno breccia, affluenza al 6,7% Domani lo spoglio

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X