facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

“I volti e i luoghi della penitenza”,
una mostra a Palazzo Bisaccioni

JESI - La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 15 aprile
Print Friendly, PDF & Email

 

Nei giorni scorsi è stata inaugurata a Jesi, presso la Fondazione della CARISJ a Palazzo Bisaccioni, la personale di fotografia “I volti e i luoghi della penitenza” di Italo Tanoni. Dopo il saluto del Presidente Alfio Bassotti e del vice Sindaco di Jesi Luca Butini agli oltre cento visitatori intervenuti alla vernice della mostra, è intervenuto il critico e curatore Enzo Carli che ha evidenziato gli aspetti salienti della esposizione fotografica di Tanoni che ha saputo coniugare la
passione dello studioso di sociologia della regione con l’interesse per la fotografia amatoriale. I 35 scatti fotografici di Palazzo Bisaccioni riflettono diverse epoche culturali di rituali religiosi così sapientamente documentati nella loro drammaticità e penitenzialità in oltre trenta anni di ricerca nel Meridione d’Italia di cui la fotografia di Tanoni ha rappresentato il sistema integrato più espressivo.
“Un mix tra cultura materiale e cultura spirituale che – secondo Carli – coinvolge profondamente lo spettatore in un corto-circuito di immagini che vanno dalla Desolata di Canosa di Puglia (2016), agli Incatenati di Troia (2010), ai Battenti di Guardia Sanframondi (1989), fino agli Spinati di Palmi (1984), per concludere l’itinerario di passione e dolore con i Vattienti di Nocera Terinese (1982)”. Il tutto documentato nel catalogo graficamente curato da Bruno Mangiaterra e introdotto dal saggio del Professor Piergiorgio Grassi dell’Università di Urbino. La mostra rimarrà aperta tutti i giorni fino al 15 aprile con i seguenti orari 9,30-13,00 15,30-19,30. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X