facebook rss

L’anziana finisce in ospedale,
la badante ruba i gioielli
e li rivende al Compro Oro

ANCONA - Il caso scoperto e risolto dagli investigatori della Squadra Mobile. Dimessa dalla struttura sanitaria e rientrata a casa, la pensionata anconetana, lo scorso dicembre, aveva denunciato il furto di 700 euro e dei monili. La 34enne che l'accudiva aveva riscosso oltre un migliaio di euro dalla vendita dei preziosi
sabato 20 Aprile 2019 - Ore 15:54
Print Friendly, PDF & Email

 

L’anziana accudita viene ricoverata in ospedale, la bandate approfitta per razziare denaro e gioielli dall’abitazione dell’assistita per poi rivenderli a un Compro Oro. I poliziotti della Squadra Mobile sono riusciti ad individuare e a denunciare alla Procura della Repubblica di Ancona una cittadina peruviana, ritenuta responsabile di furto e di ricettazione aggravate. La donna, che svolgeva mansioni come badante ad una anziana di Ancona, avrebbe aprofittato dell’assenza della sua assistita per mettere in atto il suo piano. Considerate le sue precarie condizioni di salute, le pensionata anconetana si era infatti vista costretta ad assumere una donna per aiutarla nelle mansioni quotidiane. Lo scorso dicembre, la nonnina però era stata ricoverata all’ospedale, lasciando in casa la badante che avrebbe dovuto provvedere al disbrigo dei compiti domestici. Tuttavia, dimessa dalla struttura sanitaria, al rientro nella sua abitazione l’anziana si era accorta che erano spariti 700 euro e numerosi monili in oro, ricordi di una vita dal grande avlore affettivo.

Erano così partire le indagini della Squadra Mobile della Questura di Ancona, coordinate dalla Procura della Repubblica, dopo la denuncia sporta dalla vittima verso le fine di dicembre 2018. L’attività investigativa ha permesso di appurare che la badante di 34 anni aveva eseguito una serie di vendite di preziosi presso un noto compro oro di Ancona. I successivi accertamenti esperiti dai poliziotti hanno permesso di acquisire tutte le fotografie dei monili in oro (documentate dal titolare dell’esercizio secondo le direttive questorili), ceduti dalla badante e commutati in denaro. Il passaggio investigativo successivo, del riconoscimento fotografico dei monili da parte della nonnina derubata, ha fugato ogni dubbio sulla responsabilità della badante peruviana che, approfittando del ricovero della sua assistita, aveva sottratto dai cassetti della camera da letto soldi e monili d’oro, ricordi di una vita dell’anziana, portandoli successivamente al negozio di compro oro dove le vendeva riscuotendo oltre un migliaio di euro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X