facebook rss

Polytechne, la mostra diffusa
dove l’arte incontra la scienza

ANCONA – Il progetto con cui l'Università Politecnica delle Marche celebra i 50 anni dalla sua fondazione è articolato nelle aree di Agraria, Economia, Ingegneria, Medicina e Scienze. Le opere resteranno esposte per cinque mesi. Longhi: «La bellezza salverà il mondo»
venerdì 17 Maggio 2019 - Ore 09:48
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Trenta artisti dalle Marche, dall’Italia e dal mondo. Ben 34 opere di arte contemporanea esposte in una mostra diffusa negli ambienti universitari delle cinque facoltà di Agraria, Economia, Ingegneria, Medicina e Scienze. Benvenuti a Polytechne, il progetto con cui l’Università Politecnica delle Marche celebra i 50 anni dalla sua fondazione, in un connubio vincente tra arte e scienza. Durante l’inaugurazione, ieri (16 maggio) nella sede di Economia, il rettore Sauro Longhi ha osservato come «i luoghi dove ci si occupa principalmente di discipline tecnico-scientifiche accolgano con forza e determinazione opere d’arte contemporanea, portatrici di linguaggi che si avvicinano, forse di più, alle nostre realtà scientifiche, alle nostre attività didattiche, ai nostri giovani che frequentano questi spazi. La bellezza salverà il mondo è un concetto noto e sicuramente un tema molto affascinante. La bellezza può avere diverse espressioni: la bellezza della scienza, dello studio, delle relazioni umane che si costruiscono mentre si frequentano i corsi di studio. A tutto questo – sottolinea – ora aggiungiamo la bellezza che alcuni artisti intendono offrire all’Università Politecnica delle Marche».
Oltre all’esposizione delle opere, durante i cinque mesi di apertura, saranno anche organizzati incontri, proiezioni, talks, performance secondo un programma che vedrà il coinvolgimento di esperti, artisti, scienziati e che si concluderà con un convegno alla fine del mese di ottobre.
Diverse nuove opere d’arte, si aggiungeranno al patrimonio della Politecnica e in questa occasione sono stati censiti i quadri e le sculture che già adesso costituiscono il patrimonio dell’Università e che saranno pubblicati nel catalogo generale che documenterà l’intero progetto Polytechne.
Progetti site specific: Antonella Mazzoni (Economia), Arnold Dall’O (Medicina), Terenzio Eusebi (Ingegneria), Roberto Pugliese (Scienze), Giorgia Severi (Agraria).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X