facebook rss

Un Ramadan condiviso,
folla di ospiti a tavola insieme
alla ‘Festa della rottura del Digiuno’

OSIMO - Nello spirito più ampio del dialogo interreligioso, tanti commensali di diversa fede sabato sera hanno festeggiato insieme alla comunità islamica la fine del periodo sacro per i musulmani. C'era anche don Andrea Cesarini, parroco di Castelfidardo
Print Friendly, PDF & Email

 

E’ stata una bella e partecipata ‘Festa della rottura del digiuno’ (Eid al-Fitr), sabato sera nella moschea di Campocavallo di Osimo. Per celebrare la fine del Ramadan, una quarantina di fedeli musulmani si è seduta a tavola con una sessantina di ospiti di altre religioni in un’ottica di dialogo multiculturale più ampia. «Non è stata soltanto una occasione per abbattere i barriere e cancellare paure e pregiudizi. Ma è stata una serata per conoscersi a vicenda. Tra i tanti che hanno accolto il nostro invito c’era anche don Andrea Cesarini, parroco della chiesa di Sant’Agostino a Castelfidardo» racconta Aziz Farah, presidente dell’associazione Casa della Cultura Islamica nelle Marche, che ha organizzato l’evento. Tra gli osimani che hanno partecipato alla cena anche esponenti del Pd, come la ex presidente del consiglio Paola Andreoni e l’ex consigliera comunale Eliana Flamini, entrambe rielette nella Sala Gialla e particolarmente sensibili ai temi dell’integrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X