facebook rss

Aveva stipato nell’auto gabbiette
con 208 pennuti esotici
di razza protetta: denunciato

ANCONA - La commercializzazione degli uccelli, alcuni anche in precarie condizioni di salute, altri già morti, avrebbe consentito un illecito provento di circa ventimila euro. L'uomo in arrivo dalla Grecia, dopo i controlli al porto dorico svolti dalla Guardia di Finanza, deve rispondere del reato di maltrattamento di animali, aggravato dal decesso di alcuni di essi nonché per detenzione di volatili tutelati da convenzioni internazionali - VIDEO
giovedì 6 Giugno 2019 - Ore 12:03
Print Friendly, PDF & Email

 

La Guardia di Finanza di Ancona, in collaborazione con la locale Agenzia delle Dogane, ha rinvenuto e sequestrato nel porto dorico 208 volatili, per lo più appartenenti a specie esotiche protette, la cui commercializzazione avrebbe consentito un illecito provento di circa ventimila euro. L’operazione è scaturita da un controllo eseguito nei confronti di un cittadino italiano appena sbarcato con la propria autovettura da una motonave proveniente dalla Grecia. All’interno del mezzo erano stipati, in gabbie anguste di legno non idonee al trasporto, uccelli di varie specie, alcune delle quali protette dalla Convenzione di Berna, in condizioni di salute precarie. A giustificazione del trasporto, il conducente ha esibito soltanto un certificato, non valido per la legislazione italiana, rilasciato da un veterinario greco, nel quale peraltro era riportato un numero inferiore di volatili, appartenenti ad una sola specie “serinus serinus” più noto come verzellino.

Durante la ricognizione dell’auto è stata anche rinvenuta attrezzatura idonea all’inanellamento di frodo, finalizzato a mascherare gli estremi di identificazione dell’allevatore, la provenienza, l’età e la dimensione dell’animale. Al termine degli accertamenti, cui ha preso parte anche personale veterinario dell’Asur Marche – Area Vasta 2, competente a verificare lo stato di salute dei volatili, il conducente del mezzo è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di maltrattamento di animali, aggravato dal decesso di alcuni di essi nonché per detenzione di volatili tutelati da convenzioni internazionali. Successivamente, previa autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria, i volatili sono stati rimessi in libertà nel loro ambiente naturale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X