facebook rss

Strage di Corinaldo, il garante Nobili:
«Parte civile al processo»

TRAGEDIA DELLA LANTERNA - Perplessità anche sulla presenza del trapper Sfera Ebbasta nella giuria di “XFactor”, trasmissione proposta su Sky, ritenuta inopportuna e poco rispettosa per le famiglie delle vittime
Print Friendly, PDF & Email

Il garante dei diritti Andrea Nobili

 

E’ intenzione del garante dei diritti di procedere alla costituzione di parte civile nel processo per la strage di Corinaldo, avvenuta lo scorso 8 dicembre alla discoteca Lanterna Azzurra. «In tal senso – sottolinea Andrea Nobili – ho sollecitato la Giunta regionale e nella risposta ricevuta anche il presidente Ceriscioli ravvisa la necessità di fornire un segnale forte di vicinanza e sostegno ai familiari delle vittime, attraverso l’eventuale coinvolgimento, nelle opportune sedi giudiziarie, delle istituzioni da noi rappresentate».  Contemporaneamente il garante, che tra le sue funzioni ha quella della tutela dei minori, esprime perplessità sulla presenza del trapper Sfera Ebbasta nella giuria di “XFactor”, trasmissione proposta su Sky. «La sua partecipazione – prosegue – risulterebbe inopportuna e poco rispettosa nei confronti delle stesse famiglie. Quella della discoteca di Corinaldo è una tragedia che merita particolare attenzione su diversi versanti, ma in primo luogo dobbiamo preoccuparci delle ripercussioni psicologiche che certe scelte possono determinare. E questo, almeno in questa sede, senza voler entrare nel merito del controverso modello educativo del trapper in questione». Il Garante ricorda, inoltre, quanto prima sarà presentato il “Codice etico dell’intrattenimento” a tutela dei minori. «Uno strumento – evidenzia – che negli ultimi mesi abbiamo voluto al centro di una significativa condivisione. Il nostro intento è quello di rendere più sicuro il divertimento dei ragazzi. Nessuna imposizione di tipo normativo, ma alcune linee di condotta che i locali dovranno tenere per quanto riguarda, gestione degli spazi, ambiente, sicurezza, contrasto all’uso di droghe e all’abuso di alcolici».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X