facebook rss

Ladri in azione a San Biagio
di Osimo: in arrivo
nuove spycam e agenti della Pm

SICUREZZA- Il colpo segnalato ieri ai carabinieri arriva a distanza di pochi giorni dal raid nella zona industriale. L'assessora Federica Gatto annuncia il varo di un progetto intercomunale con i Comuni del Maceratese e del Fermano per la creazione di una infrastruttura che permetterà un'unità territoriale di controllo. A Ottobre il concorso per comandante della Polizia locale. Il sindaco lavora per destinare l'ex tribunale a sede del Commissariato
Print Friendly, PDF & Email

Le nuove telecamere di San Biagio e Campocavallo

 

Sono entrati in casa nel tardo pomeriggio di ieri, incuranti della presenza di persone nell’appartamento, e hanno tentato di consumare il colpo a San Biagio di Osimo prima di essere messi in fuga. Un nuovo episodio che si è verificato dopo il raid che ha passato al setaccio la zona industriale della frazione osimana e che è già stato denunciato ai carabinieri. Le telecamere comunali di ultima generaqzione accese di recente proprio al centro di San Biagio, in via d’Ancona, ma anche quelle della rotatoria della Gironda potrebbero contribuire a risolvere il giallo e ad indirizzare le indagini. In città sono attive 81 spycam, 20 delle quali dotate di Ocr, una tecnologia all’avanguardia che consente di leggere le targhe e di confrontarle in tempo reale con le banche dati delle forze dell’ordine.

L’assessora Federica Gatto

«Osimo è ben controllata e insieme ad altri 11 Comuni della provincia di Macerata e di Fermo sta anche creando una infrastruttura che permetterà una unità territoriale di controllo. – annuncia l’assessore Federica Gatto, che pochi giorni fa ha ringraziato il sindaco per la riconsegna delle deleghe Sicurezza, Polizia locale e viabilità – Un progetto innovativo che sarà presentato al Garante della Privacy e qualora ci sia un riscontro positivo lo presenteremo anche negli ambiti competenti, alla Regione Marche e poi al Ministero. Un progetto ambizioso che tende a creare un sistema integrato di sicurezza previsto dalla Legge 48/2017. La norma richiedere collaborazione con le altre forze dell’ordine che ad Osimo negli ultimi 5 anni non è mancata. Ci sono state davvero accanto a partire dalla lotta per il mantenimento del Commissariato a Osimo, proseguendo con la creazione di un vademecum per la sicurezza urbana, spedito nel 2015 alle famiglie osimane. Ora quella guida sarà adottata anche dalla Regione Marche. Per rendere al massimo efficiente il settore, in quest’ottica sarà importante anche l’apporto delle opposizioni che fin d’ora ascolterò».

Il polo della sicurezza di Osimo di via Molino Mensa con il comando della Polizia locale, la sede della Cri, del Cb-Om radioamatori e della Protezione Civile

L’altra sfida che affronterà l’assessora, già annunciata in campagna elettorale, «sarà il rafforzamento del Comando della nostra Polizia locale con l’assunzione di nuovo personale. – sottolinea Federica Gatto -. Negli ultimi 5 anni abbiamo assistito al turn over totale del personale che ne fa parte. Siamo intervenuti con un nuovo concorso per la Polizia locale e stiamo attingendo alla graduatoria di 20 agenti che daranno nuova linfa al nostro Corpo di Polizia locale. Ad Ottobre, poi, ci sarà un nuovo bando per funzionari della Pm, perché si dovrà intervenire anche nelle posizioni apicali. A fine anno con molta probabilità il comandante Graziano Galassi andrà in pensione e dobbiamo ripensare alla ristrutturazione totale del Comando».

Osimo, l’ex tribunale di via Molino Mensa

Tra i progetti collegati alla sicurezza il sindaco Simone Pugnaloni continua a caldeggiare anche quello di realizzare una nuova sede per gli uffici del Commissariato. La ‘cittadella della sicurezza’ dovrebbe insediarsi, secondo i piani, nell’immobile dell’ex tribunale di via Molino Mensa che dopo il terremoto del 2016-2017 attende però di essere ristrutturato. Il Comune di Osimo ha già acquisito le prescrizioni sulla vulnerabilità sismica dell’immobile con una volumetria di 10.500 mc, previste dalla normativa più recente, ma la messa a norma antisismica soprattutto della torretta dell’ex tribunale va finanziata. Un tempo la torretta accoglieva un ostello che potrebbe essere riconvertito in alloggi per gli agenti o il dirigente del Commissariato.

Sistemi di videosorveglianza in rete: i Comuni riuniti a Macerata per rafforzare la sicurezza

Telecamere e lettura delle targhe, al vaglio l’integrazione dei sistemi di videosorveglianza

Razzia dei ladri: notte choc nella zona industriale, spariti telefonini da Carrefour

Rivista la ‘mappa’ delle spycam: nuove telecamere a San Biagio e Campocavallo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X