facebook rss

Spazzata via la copertura
della tensostruttura di Marcelli
«E’ volata come una mongolfiera»

NUMANA - Al momento del disastro che si è abbattuto ieri in provincia erano presenti diversi dirigenti ed addetti ai lavori dell’impianto sportivo. «Fa piangere il cuore visto che 10 minuti prima eravamo lì dentro. Ci siamo dovuti rifugiare negli spogliatoi»
mercoledì 10 Luglio 2019 - Ore 19:11
Print Friendly, PDF & Email

Lo scheletro della struttura

di Lorenzo Agostinelli

La tempesta di ieri pomeriggio ha messo in ginocchio tutto il litorale di Marcelli e Numana, ma ci sono danni gravissimi anche allontanandosi dal mare. Ne ha riportati la tensostruttura al centro del complesso sportivo di via Fonte Antica. Siamo riusciti a raccogliere la testimonianza di Cesare Lotito, un dirigente della Tenax Castelfidardo, che stava attendendo insieme a Giuseppe Tabioca, presidente del calcetto Numana, i ragazzi dell’under 19 per gli allenamenti. Da quest’anno le due società hanno un settore giovanile in comune dal quale attingere negli anni a venire e stavano quindi attendendo diversi ragazzi, coi quali iniziare questo progetto a lungo termine. Nel campo di calcio erano presenti alcuni dirigenti dell’Atletico Conero, intenti a riordinare il materiale tecnico dopo il Milan Camping da loro organizzato e gestito.
«Erano le 18 circa e stavamo aspettando i ragazzi all’interno del campo coperto.  Il temporale è stato subito seguito dalla grandine e, quando mi sono affacciato fuori, non si vedeva più niente. L’unica cosa che si poteva distinguere erano i cassonetti che volavano dall’altro lato della strada. Quando all’improvviso, oltre alla grandine battente, è aumentato ancora il vento la tensostruttura si è gonfiata. Praticamente il vento l’ha sfilata da sotto e l’ha gonfiata e fatta volare via come una mongolfiera. Il telone gigante, insieme ai materassini e a tutto il materiale tecnico da allenamento si è riversato sul campo di calcio. Un dirigente dell’altra squadra è stato anche ferito ad un braccio da un gazebo che l’ha frustato mentre cercava di tenerlo. Una scena veramente apocalittica che ci ha costretto a rifugiarci negli spogliatogli». Stando a quanto riferito dal dirigente,  i materassini che erano nel campo di calcio a 5 sono stati ritrovati anche a 500-600 metri di distanza, mentre buona parte del materiale tecnico e dei palloni è andata persa. Il telone della tensostruttura ha poi concluso il suo volo contro un palo, che è caduto sotto il peso di quest’ultimo, finendo poi rovinosamente sulla porta da gioco del campo grande. L’impianto sportivo in sé non ha subito danni strutturali pesanti a parte lo scoperchiamento del campetto di calcio a 5 ed i materiali tecnici dispersi dal temporale. Il Comune di Numana si è già mosso ed ha rassicurato i presidenti delle due società informandoli di aver attivato la copertura assicurativa per eventi atmosferici: la polizza coprirebbe per intero le spese di ristrutturazione dell’intero impianto che, secondo una prima stima, ammonterebbero attorno agli 80mila euro. Nei prossimi giorni i tecnici ed i periti assicurativi si recheranno sul luogo per i sopralluoghi e le verifiche di rito così da non compromettere la stagione sportiva delle squadre. Nel pomeriggio, la struttura sportiva ha ricevuto al visita del governatore Luca Ceriscioli, affiancato dal sindaco di Numana Tombolini.

Maltempo, sopralluogo di Ceriscioli a Numana e all’ospedale di Loreto: «Chiederemo lo stato di emergenza»

Numana e Marcelli, spiagge devastate «Qui è un calvario, tutto distrutto» (Reportage fotografico)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X