facebook rss

Prove e gara di velocità con le moto:
interviene la Polizia
e identifica una quarantina di giovani

SENIGALLIA - Nei controlli degli agenti del Commissariato svolti a Borgo Bicchia dopo le segnalazioni sono incappati anche alcuni minori. Un motociclo 125 è risultato privo di copertura assicurativa e al proprietario è stata comminata una multa di 800 euro. Si indaga per capire se erano in atto corse clandestine con i mezzi
mercoledì 18 Settembre 2019 - Ore 18:53
Print Friendly, PDF & Email

 

Da alcuni giorni venivano segnalati forti rumori di motori in zona borgo Bicchia a Senigallia e la presenza di numerosi giovani che si spostavano a bordo di moto. Gli agenti del Commissariato di P.S. di Senigallia, pertanto, effettuavano alcuni accertamenti per risalire alle cause dei rumori, verificando che la zona da cui provenivano i segnalati rumori corrispondeva al parcheggio limitrofo al casello autostradale. Dunque, nel corso dello svolgimento dei servizi di controllo gli agenti della Squadra Volante hanno notato la presenza di numerosi giovani – la maggior parte dei quali con ciclomotori e motocicli al seguito- nell’area del parcheggio limitrofo all’autostrada ed alcuni di questi che effettuavano accelerazioni e manovre spericolate.

I poliziotti dopo aver verificato che i giovani avevano messo in atto anche condotte di guide potenzialmente pericolose specie per la lor incolumità, utilizzando i loro veicoli che venivano portati a velocità abbastanza rilevanti, sia pure in uno spazio ridotto come l’area del parcheggio, hanno deciso di intervenire immediatamente al fine di interrompere tali manovre. Diversi equipaggi del Commissariato di Polizia si sono portati sul luogo in questione e gli agenti hanno proceduto al controllo di tutti i giovani presenti ed a svolgere gli accertamenti sui veicoli in uso agli stessi.

Sono stati identificati oltre 40 giovani, alcuni dei quali minori, ed altrettanti ciclomotori e motocicli. Tra questi in particolare un motociclo 125 cc. È risultati privo di copertura assicurativa e pertanto i poliziotti hanno proceduto ad elevare la relativa sanzione amministrativa, pari ad oltre 800 euro , nonché al sequestro amministrativo del veicolo. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte della Polizia finalizzati a chiarire se fossero in atto vere e proprie gara motoristiche, poiché in tal caso le conseguenze potrebbe anche determinare responsabilità di tipo penale. Ulteriori accertamenti verranno effettuati al fine di verificare se i veicoli utilizzati rispettassero le caratteristiche previste dal codice della strada. Stante la circostanza che tra i giovani ve ne fossero diversi provenienti addirittura da province limitrofe, non si esclude che tutto prenda avvio da incontri itineranti, in diverse località, di cui i giovani si tengono informati tramite l’utilizzo dei social network con cui si danno appuntamento per questo forme di “esibizione”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X