facebook rss

Architetti under 35 per piazza d’Armi,
Mancinelli: «Giovani disegnano
il futuro di un pezzo di storia»

ANCONA – A vincere il concorso di idee per la riqualificazione del mercato e dell'area circostante, tra le 24 proposte pervenute, è stato un architetto fermano di 34 anni, insieme ai suoi colleghi tutti sotto i 35, fondatori dello studio Cinque A
Print Friendly, PDF & Email

Un’immagine del progetto di riqualificazione del mercato

 

di Martina Marinangeli

Riqualificazione di piazza d’Armi: abbiamo un vincitore. Lo storico mercato e l’area che lo circondano rinasceranno a nuova vita grazie al progetto firmato da un pool di architetti under 35, risultato vincitore del concorso di idee, indetto dal Comune, che ha visto partecipare 24 competitor. Nello specifico saranno Diego Collini, 34 anni di Grottazzolina, ed i suoi quattro giovani colleghi – con i quali ha fondato a Treviso lo studio Cinque A – a tracciare un restyling atteso da almeno 10 anni. «Mi dà speranza che siano giovani coloro che hanno disegnato il futuro di un pezzo della storia di Ancona», ha commentato la sindaca Valeria Mancinelli dal suo ormai molto operativo profilo Facebook, descrivendo il progetto come «una bella armonia tra spazi coperti e scoperti: il mercato, la piazza, il verde, una nuova viabilità. L’obiettivo è riqualificare ed alimentare tutta la vivacità che quel luogo esprime. Durante il periodo natalizio allestiremo dentro il mercato una mostra del progetto vincitore e di quelli entrati in finale». Un plauso arriva anche dall’Ordine degli architetti di Ancona: «trasparenza e terzietà sono le parole d’ordine che condividiamo in pieno perché con questi concorsi si sceglie il progetto, non il progettista, dando così la possibilità di farsi notare anche agli architetti più giovani e meno noti – il commento della presidente Donatella Maiolatesi –. Congratulazioni e buon lavoro al comune di Ancona che ha fortemente voluto e creduto in questa procedura per rilanciare l’area di piazza d’Armi, ora non vediamo l’ora di ammirarla con i nostri occhi».

Il nuovo corso del mercato di piazza d’Armi sta dunque muovendo i suoi primi passi e punta alla creazione di un polo aggregativo che comprenda non solo gli spazi per il market – con 45 box, 68 stalli per gli agricoltori e 155 piazzole per gli ambulanti –, ma anche più di 1000 mq per un’area commerciale, servizi pubblici e spazi per ristoranti e locali slow food, con mantenimento dei parcheggi gratuiti. L’idea alla base del progetto è quella di integrare le attività del mercato settimanale della mattina con il tempo libero nel pomeriggio e la sera, garantendo alla piazza anche la presenza di giochi per bambini, giardini e punti di ristoro, per una fruizione degli spazi h 24. Un’area polifunzionale dunque, adatta ad ospitare anche eventi quali la Notte Bianca o il Festival Primo Piano. Un piano di ampio respiro il cui costo è stato calcolato in 7 milioni 350 mila euro e che, stando alla road map, dovrà vedere la luce entro il 2023.

Nuova piazza d’Armi, scintille in Consiglio Tombolini: «Non ci sono i soldi»

Bando da 7 milioni per la nuova piazza d’Armi, Foresi: «Un progetto che rivoluzionerà il quartiere»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X