facebook rss

Francesco, casellante-attore
nello spot di Autostrade Italia

PREVENZIONE - Francesco Ragni, 48enne di Castelfidardo, dipendente al casello di Loreto Porto Recanati, è protagonista di uno dei tre corti realizzati per sensibilizzare gli automobilisti sulla sicurezza stradale. «Un'esperienza stupenda sul set. Ora torno al lavoro, quello vero però, sperando di aver contribuito in qualche modo alla causa»
Print Friendly, PDF & Email

 

Francesco Ragni, di Castelfidardo, sul set del mini spot per Autostrade

 

di Giacomo Gardini

Tre mini spot per sensibilizzare gli automobilisti a guidare con attenzione e con prudenza, evitando comportamenti pericolosi per sé e per gli altri. E’ questa l’ultima iniziativa promossa dalla società Autostrade per l’Italia, in collaborazione con la polizia di stato, che ha coinvolto tre fortunati casellanti, per un giorno attori nei loro stessi panni. Tra questi, c’è anche Francesco Ragni, 48enne di Castelfidardo, dipendente al casello di Loreto Porto Recanati, in A14.

Uno dei ciak durante le riprese al casello di Vergiate, Milano

«Non capita tutti i giorni di finire sotto l’occhio della cinepresa – racconta – tanto meno sul proprio posto di lavoro». La società ha bandito un concorso tra i suoi esattori, alla ricerca dei tre papabili protagonisti dello spot pubblicitario, e Francesco ha subito alla chiamata. «Mi sono messo subito in gioco – spiega -. C’è stata una prima selezione a Roma, poi una a Milano: da 80 candidati fino ad arrivare a tre. Hanno scelto me, Emanuela, una collega di Roma, e Giacomo, da Milano. Quindi ad ognuno è stato assegnato un tema particolare». Il mini-spot, di cui Francesco è protagonista, è un focus sulla guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti. Nel video compare un guidatore alticcio che, sulla via del ritorno a casa dopo una festa, viene rimproverato dal casellante e si rende conto di aver caricato in macchina un perfetto sconosciuto.

Il set al casello di Vergiate

«E’ stato tutto immediato – ricorda Francesco -. Ci hanno portato al casello di Vergiate, Milano, dov’era stato allestito un set a tutti gli effetti. Abbiamo girato dalle 16 alle 23: è incredibile quanto lavoro si nasconda dietro un solo minuto di spot, oltre ad una macchina organizzativa imponente. Non oso immaginare quando sia impegnativo girare un film intero». Ad Emanuela è stato assegnato il tema del mancato uso delle cinture e del seggiolino per bimbi, mentre il terzo video, con Emanuele, riguarda l’uso improprio del cellulare alla guida. «Una bellissima esperienza – dice Francesco – per uno dei temi che più sta a cuore alla società Autostrade: quello della sicurezza stradale. Mi sono divertito tantissimo: da ragazzo ho seguito corsi di recitazione, e probabilmente mi hanno scelto anche per questo, ma questo è tutta un’altra storia. Porto a casa con me un ricordo meraviglioso. Ora, sono tornato al mio lavoro. Sempre al casello, ma non sul set questa volta, con la speranza di aver contribuito ad una causa tanto importante».

 

Francesco Ragni nello spot di Autostrade

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X