facebook rss

Strage di Corinaldo,
chiesta l’archiviazione per due ragazzi

DOPO QUASI un anno di indagini, il procuratore dei Minorenni Giovanna Lebboroni ha estromesso dall'inchiesta i due giovani sospettati di aver avuto un ruolo nella tragedia dell'8 dicembre 2018
Print Friendly, PDF & Email

La calca all’uscita

 

Strage di Corinaldo, due indagati verso l’archiviazione. L’estromissione dall’inchiesta aperta dopo la tragedia costata la vita a una giovane mamma e a cinque ragazzini è stata chiesta dal procuratore minorile Giovanna Lebboroni. Nei giorni scorsi, l’atto è stato notificato alle parti lese e ai due diretti interessati, minorenni all’epoca dei fatti. Uno è il senigalliese indicato subito dopo la strage della Lanterna Azzurra come il presunto autore degli spruzzi urticanti, poi risultato estraneo ai fatti con l’arresto della banda modenese individuata dai carabinieri. L’altro è stato indagato in un secondo momento. I reati ipotizzati erano lesioni personali, lesioni colpose e omicidio preterintenzionale per la morte di sei persone. Con la richiesta d’archiviazione, la procura minorile esce dall’inchiesta per la strage dello scorso 8 dicembre. Rimangono in piedi due filoni d’indagine seguiti dalla procura ordinaria: uno, quello più recente, è legato agli arresti della gang dello spray, accusata di aver spruzzato la sostanza urticante alla Lanterna (e in altre discoteche d’Italia) per strappare collanine e bracciali ai giovani partecipanti della serata in cui l’ospite doveva essere Sfera Ebbasta. L’altro è il filone che riguarda la gestione della sicurezza e l’apparato burocratico delle autorizzazioni per l’apertura del locale e il rilascio dei certificati per  validare le attività di pubblico spettacolo.

(Fe.ser)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X