facebook rss

Il Savoia-Benincasa dedica il ‘Future Lab’
all’ex alunno Lorenzo Farinelli

ANCONA – Domani l’inaugurazione del laboratorio digitale che porterà il nome di ‘Lollo’, il medico  34enne affetto da Linfoma non-Hodgkin scomparso a febbraio
Print Friendly, PDF & Email

Il Future Lab dedicato alla memoria del medico Lorenzo Farinelli

 

Un ambiente laboratoriale didattico innovativo per la formazione, uno spazio dotato di numerose tecnologie per l’artigianato digitale, un luogo destinato anche alla progettazione, sviluppo e fruizione di contenuti in realtà virtuale e aumentata. Ecco il Future Lab dell’IIS Savoia-Benincasa, già scuola polo regionale per la formazione dei docenti nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, che verrà inaugurato domani, giovedì 5 dicembre, e dedicato alla memoria di Lorenzo Farinelli, ex alunno prematuramente scomparso lo scorso febbraio. La cerimonia di inaugurazione avrà inizio a partire dalle ore 16.30 con il convegno dal titolo “Educare al futuro e alla vita tra scienza, creatività e ricerca”, cui seguirà il taglio del nastro previsto alle 18.15. La progettazione del Future Lab, a cura dell’Accademia di Design Poliarte di Ancona, si è avvalsa dei più recenti modelli proposti dalla ricerca scientifica ideati dal Mit di Boston con suggestioni dagli ambienti T.E.AL. (Technology Enhanced Active Learning), ad alto tasso di tecnologia che prevedono lavori di gruppo interattivi e uso di isole di lavoro con tavoli rotondi e tablet per ciascuno studente. La scelta è stata di riqualificare uno spazio inutilizzato, ampio foyer dell’Aula Magna del plesso di Via Marini 33, sfruttandone alcune caratteristiche rilevanti, come l’ampiezza e la presenza di una scalinata da utilizzare come nelle scuole del nord Europa per ricavare delle sedute che si affacciano su uno spazio di proiezione. L’idea è stata quella di proteggere gli ambienti di lavoro, ma con pareti trasparenti, dando modo a chiunque di ammirare gli ambienti, le tecnologie e le persone al lavoro all’interno, proprio come osservato negli avveniristici istituti di ricerca di Boston. Il Future Lab ospiterà al proprio interno un FabLab didattico, spazio making dotato di numerose tecnologie per l’artigianato digitale attrezzato con le macchine di un’eccellenza marchigiana e internazionale, la Roland, uno spazio destinato alla progettazione, sviluppo e fruizione di contenuti in realtà virtuale e aumentata, una cabina destinata a spazio per la registrazione di video professionali, servizi fotografici, trasmissioni per la web radio dell’Istituto, diverse postazioni autonome di lavoro.

Sarà utilizzato al mattino con gli studenti (su richiesta anche di altri Istituti del territorio di ogni ordine e grado) e offrirà spazio pomeridiano a laboratori di creatività, robotica e artigianato digitale per i bambini e ragazzi. Sarà inoltre un ambiente dedicato alla formazione di gruppi di docenti di tutta la regione. Sarà insomma un vero civic center per la città, centro di promozione culturale e realizzazione di attività per la crescita di competenze avanzate nei docenti e nelle giovani generazioni. Il Future Lab è espressione delle eccellenze del territorio; da qui la partnership con l’Accademia di Design Poliarte, che attraverso il progetto dell’Ing. Carlo Antonelli ha realizzato le strutture artigianalmente in vetro antisfondamento e legno trattato per la resa ignifuga. Completano l’aula dei tavoli bianchi e colorati mobili e sedute colorate mobili, anche monoposto. Le tecnologie per il making sono prodotti dell’azienda Roland DG MidEurope di Acquaviva Picena, mentre quella per la realtà virtuale e aumentata sono dell’azienda Ubisive di Civitanova Marche. Il costo complessivo del laboratorio supera i 100.000 € erogati dal MIUR e ha reso necessario un co-finanziamento proveniente dai contributi volontari delle famiglie.

Lorenzo Farinelli

LA DEDICA DEL FUTURE LAB A LORENZO FARINELLI – Il caso del Dott. Lorenzo Farinelli, ex alunno del Liceo Scientifico “Luigi di Savoia”, prematuramente scomparso a causa dell’impossibilità di curare in Italia la sua malattia con la più avanzata terapia disponibile, la Car T Cells, ha commosso tutto il Paese. Il grido disperato di Lorenzo, nel momento in cui si appellava alla nostra generosità dicendo: “Io voglio vivere” è rimasto nelle orecchie e nel cuore. La corsa incredibile e generosa alla raccolta della cifra necessaria a trasferirsi negli Usa non è bastata e Lorenzo non ce l’ha fatta, lasciando tutti sgomenti e addolorati. Per trasformare il dolore in amore e in memoria dell’importanza di fare ricerca, studiare e acquisire una formazione di qualità avanzata, il Consiglio d’Istituto ha deciso – con delibera del 4 Marzo 2019 – di dedicare il Future Lab alla sua voglia di vivere. Questa la motivazione all’intitolazione: “Affinchè l’educazione alla scienza, alla creatività, alla ricerca, possano aiutare in futuro tutte le persone che, come Lorenzo, avrebbero voluto vivere”. All’ingresso del Future Lab campeggerà una sua fotografia, scelta dai genitori, Amalia Dusmet e Giovanni Farinelli e dalla sua compagna Martina Cimarelli, con in calce la sua frase: “Mordete la vita. Ogni secondo. Sembra dura. Amara. Ma è succosa ed è un sogno“.

IL SAVOIA-BENINCASA, ECCELLENZA NAZIONALE – Il Savoia-Benincasa ha fondato nel 2014, insieme ad altre 21 scuole italiane, la più importante realtà nazionale che ha come mandato istituzionale la disseminazione dell’innovazione: il Movimento delle Avanguardie Educative, coordinato da INDIRE. Nel mese di Maggio 2019 è stata inoltre selezionata dalla rete internazionale Ashoka, che riunisce agenti sociali del cambiamento, come Changemaker School insieme ad altre 10 scuole italiane, dopo una complessa procedura condotta da un panel internazionale di ricercatori. Con circa 1400 studenti suddivisi in tre indirizzi di studio, Liceo Scientifico, Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Economico, l’Istituto è oggi un punto di riferimento nel campo dell’uso didattico delle ICT. Dal 2009 la scuola è stata interamente connessa in wifi, ogni aula è stata provvista di un laptop e una LIM o un videoproiettore interattivo di ultima generazione. Il device portatile personale è parte integrante del corredo scolastico degli alunni e viene utilizzato con grande naturalezza per il lavoro quotidiano in classe in modalità BYOD (Bring Your Own Device).

Lo sportello ‘Giovani Medici’ intitolato a Lorenzo Farinelli

‘Io voglio vivere’, un torneo di calciotto per ricordare Lollo Farinelli

Il sogno di Lollo Farinelli si è avverato: Calogero ha sconfitto la malattia

Nasce la fondazione Lorenzo Farinelli

Una folla per l’addio a Lollo, La mamma: «Grazie a tutti voi, un’ondata d’amore per mio figlio»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X