facebook rss

Notte di follia a Castreccioni,
il 19enne arrestato per tentato omicidio

CINGOLI - Per il giovane di Falconara, sono stati disposti i domiciliari, è piantonato all'ospedale di Torrette. Nella camera di albergo che condivideva con l'amico, trovati oltre 25 grammi di hashish e marijuana
Print Friendly, PDF & Email

 

Il pilone illuminato è il punto in cui si è aggrappato il giovane dopo essersi gettato nell’acqua

 

E’ stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio, il 19enne protagonista della notte di follia a Cingoli. Si tratta di Francesco Freddi di Falconara. Per lui sono stati disposti i domiciliari e attualmente è piantonato all’ospedale di Torrette dove è stato ricoverato in seguito al volo nel lago di Castreccioni di Cingoli.

I soccorsi al lago di Castreccioni

La folle serata era iniziata nel ristorante e bed & breakfast “Lo Smeraldo”, dove il giovane aveva preso un camera insieme ad un amico, un 24enne romeno di Osimo. Probabilmente il programma prevedeva una nottata a base di hashish e marijuana. Poco prima dell’una però, i due hanno iniziato a litigare, non è chiaro ancora quale sia stato il motivo che ha scatenato il caos. Forse entrambi erano già sotto l’effetto della droga. Fatto sta che i due sono andati a finire nella cucina del ristorante, sotto gli occhi sgomenti dei presenti. Il 19enne ha afferrato un coltello e ha provato a colpire l’altro, ma non c’è riuscito. Subito dopo ha addirittura tentato di tagliargli la gola, ferendolo di striscio sul torace. A quel punto il ragazzo è stato disarmato dal personale del locale, ma è comunque riuscito a scappare.

Mentre il 24enne è stato prontamente soccorso, l’altro ha iniziato a correre in direzione del ponte che collega la frazione Moscosi alla strada provinciale tra Cingoli e Apiro. Lì, si è gettato sull’asfalto mentre passava un’auto. Il conducente è riuscito a frenare in tempo, colpendolo solo leggermente. Il giovane, sotto choc, a quel punto si è avvicinato al bordo del ponte, ha scavalcato la barriera di protezione e si è buttato nelle acque gelide del lago. Un volo di circa 20 metri. Il ragazzo è riuscito a non annegare solo perché ha avuto la prontezza di aggrapparsi a un pilone del ponte una volta in acqua. E infatti è proprio lì che è stato recuperato da un barchino a remi e portato a riva in stato di ipotermia. Quindi è stato trasferito all’ospedale di Torrette, dove è tuttora ricoverato. Mentre l’amico è stato ricoverato all’ospedale di Jesi e non è in pericolo di vita. Nel frattempo i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Enrico Riccioni, hanno avviato le indagini. Nel corso della perquisizione della camera  occupata da entrambi i giovani hanno trovato 25,5 grammi di hashish e 0,9 di marijuana, posti sotto sequestro. Il 19enne è stato arrestato, per lui sono stati disposti i domiciliari e attualmente è piantonato in ospedale. In attesa di comparire davanti al giudice, è difeso dall’avvocato Roberto Tiberi.

(Redazione Cm)

(ultimo aggiornamento alle 15,15)

Notte di follia: accoltella un amico, tenta di farsi investire e poi si butta nel lago

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X