facebook rss

Follia sul lago, mix allucinogeno:
il 19enne aveva assunto Lsd
Entrambi i ragazzi indagati per spaccio

CINGOLI - Il giovane falconarese aveva nel sangue diverse sostanze, tra queste anche cannabinoidi e benzodiazepine. Mercoledì la convalida dell'arresto. Deve rispondere del tentato omicidio dell'amico, residente ad Osimo, che era con lui al b&b
Print Friendly, PDF & Email

 

L’ambulanza della Piros e i carabinieri davanti il bed & breakfast

 

di Gianluca Ginella

Follia a Cingoli, il 19enne falconarese che ha accoltellato l’amico prima di buttarsi nel lago aveva assunto un mix di sostanze: Lsd, cannabinoidi, benzodiazepine. La procura lo ha arrestato per tentato omicidio, aperto un fascicolo sia verso lui che verso il giovane accoltellato per chiarire come mai nella stanza avessero circa 25 grammi di hashish e 0,9 grammi di marijuana, e se fosse destinata ad essere spacciata, se uno dei due l’avesse venduta all’altro o se si tratti di droga per consumo di gruppo. L’arrestato poi mercoledì comparirà davanti al giudice per l’udienza di convalida, al momento è ricoverato in ospedale a Torrette (sta ai domiciliari).

I soccorsi al lago

Il 19enne, Francesco Freddi, di Falconara, nella notte di sabato si trovava insieme ad un amico 24enne, romeno, residente a Osimo, in una struttura di Cingoli, il ristorante Lo Smeraldo dove si trova anche il B&B. Il 19enne, da quanto è emerso dalle indagini, aveva assunto diverse droghe: lsd, cannabinoidi e benzodiazepine. Intorno all’1 di notte lui e l’amico avevano iniziato a litigare nella sala del ristorante del b&b, alla presenza del personale. «Stavamo mangiando insieme ai proprietari – ha raccontato a Cronache Maceratesi una cameriera del ristorante – quando a un certo punto, nella sala, sono entrati due ragazzi scalzi. Ad un certo punto il ragazzo più giovane ha iniziato a lamentarsi: “sto male, sto male, chiamate il 118”». Le cose sono precipitate, il 19enne è diventato aggressivo, se l’è presa con l’amico: «gli ha detto: “Allora sei stato tu a fregarmi la vita”» e dopo aver preso un coltello da un tavolo lo ha accoltellato al torace (prognosi 10 giorni) ed è stato bloccato dai camerieri e dal titolare del ristorante. Poi il giovane è fuggito e si è buttato nel lago, forse con l’acqua gelida si è ripreso tanto da aggrapparsi a un pilone del ponte di Castreccioni dove poi è stato salvato. Un comportamento che secondo gli inquirenti (indagano i carabinieri della Compagnia di Macerata, coordinati dal pm Enrico Riccioni) sarebbe legato al mix di sostanze stupefacenti. Ora il 19enne deve rispondere di tentato omicidio. Ad assisterlo l’avvocato Roberto Tiberi.

«Ha urlato “sto male” poi ha provato a sgozzare l’amico» Il racconto choc della notte folle

Notte di follia a Castreccioni, il 19enne arrestato per tentato omicidio

Notte di follia: accoltella un amico, tenta di farsi investire e poi si butta nel lago

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X