facebook rss

Abbandona due piccoli cani
in campagna: 42enne nei guai

OSIMO - Una automobilista di passaggio a Santo Stefano ha notato l'uomo, si è fernata ed ha tentato di dissuaderlo ma lui non l'ha ascoltata. Gli agenti del Commissariato lo hanno denunciato
Print Friendly, PDF & Email

Il Commissariato di Ps di Osimo

 

Insensibile alle campagne contro il maltrattamento e l’abbandono degli animali, un quarantaduenne residente in un Comune limitrofo ad Osimo, alle prime luci dell’alba di qualche giorno fa, alla guida della sua auto, ha raggiunto una zona della campagna della frazione osimana di Santo Stefano, e, convinto di non essere visto e riconosciuto da nessuno, si è disfatto di due piccoli cani meticci, abbandonandoli nei campi, fra la folta vegetazione. Ma per sua sfortuna, quel suo gesto non è passato inosservato. Una giovane donna che per puro caso transitava di là, insospettita da quell’auto che, a quell’ora, era ferma sul ciglio della strada con la portiera aperta, ha osservato tutta la dinamica, annotandone diligentemente e con prontezza la targa. Con coraggio, ha poi affiancato l’auto dell’uomo sollecitandolo, inutilmente, a tornare sui suoi passi e ricevendo da quest’ultimo il perentorio invito ad occuparsi dei fatti suoi.

Così, quando ha capito che l’uomo non avrebbe fatto un passo indietro e non avrebbe desistito dal portare a compimento quel suo vergognoso gesto, ha deciso di avvertire il 113. Gli uomini del Commissariato di Osimo, intervenuti sul posto, si sono messi subito alla ricerca dei due cagnolini che purtroppo non sono più stati ritrovati. Tuttavia, grazie al gesto responsabile e coraggioso della donna, non è stato difficile risalire all’identità dell’uomo, ed a ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. L’uomo, convocato in Commissariato dagli ispettori del vice questore Giuseppe Todaro per le formalità di rito, ha tentato di fornire una giustificazione, ma gli elementi raccolti a suo carico non lo hanno salvato dalla denuncia per “abbandono di animali”, dalla quale dovrà difendersi davanti ad un giudice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X