facebook rss

Prevenzione del melanoma,
record di visite per il ‘Badiali 2020’

FALCONARA – Si è conclusa oggi la settimana dedicata allo screening organizzato da Gas e Comune per ricordare il pallavolista scomparso nel 1988. Sono state 1.301 le persone che si sono sottoposte a un controllo
Print Friendly, PDF & Email

Falconara, il sindaco Stefania Signorini con i protagonisti della settimana dello screening sui nei ‘Badiali 2020’

 

Sono state 1.301 le persone che, nel corso di questa settimana a Falconara, si sono sottoposte alle visite dermatologiche gratuite dell’iniziativa ‘Badiali 2020’ per la prevenzione del melanoma. Di queste, circa il 5 per cento sono state invitate a completare l’iter clinico diagnostico con imaging dermatologico e/o esame istologico. Oggi, 11 gennaio, l’iniziativa organizzata dal Gruppo Amici per lo Sport in collaborazione con il Comune si è chiusa con ospiti d’eccezione: il governatore Luca Ceriscioli, il rettore dell’Univpm Gian Luca Gregori, il direttore generale di Ospedali Riuniti Michele Caporossi e il capo di gabinetto del governatore Fabio Sturani. Tutti si sono sottoposti al controllo dei nei. A fare gli onori di casa, il sindaco Stefania Signorini (che si è sottoposta al controllo nei giorni scorsi) con gli assessori Marco Giacanella e Clemente Rossi e il presidente del Gruppo Amici per lo Sport Aps Tarcisio Pacetti con gli associati del Gas. Il controllo dei nei, partito martedì 7 gennaio, si è concluso questa mattina grazie all’impegno di 36 medici dermatologi, che si sono messi a disposizione della comunità come volontari. Gli specialisti dell’azienda Ospedali Riuniti, dell’Università politecnica delle Marche, dell’Inrca e dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi hanno unito le forze con alcuni liberi professionisti per eseguire lo screening.

L’evento ha potuto contare sulla disponibilità della professoressa Anna Maria Offidani, alla guida della clinica dermatologica degli Ospedali Riuniti, del dottor Carlo Cota, direttore dell’unità operativa complessa di Dermatologia dell’Irccs Inrca (entrambi presenti alla giornata conclusiva di oggi) e del dottor Giuseppe Lemme, a capo di Dermatologia del Carlo Urbani. I tre dirigenti hanno partecipato allo screening con le loro equipe. L’iniziativa è stata supportata da Regione Marche, azienda Ospedali Riuniti, Asur, Univpm, Lilt, Rotary Club Falconara, Croce Rossa, Croce Gialla Falconara, Unitalsi, Gruppo comunale di Protezione civile e Società nazionale di salvamento. Come ogni anno l’iniziativa è stata dedicata a Gianfranco Badiali, una delle figure più note della pallavolo falconarese, scomparso l’8 gennaio 1988 a soli 26 anni a causa di un melanoma. A Badiali è intitolato il più importante palasport di Falconara e lo screening dei nei del 2020 rappresenta un modo per far sì che, proprio nel nome del grande atleta, persone affette dalla stessa patologia possano curarsi prima che sia troppo tardi.

(fotoservizio Giusy Marinelli)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X