facebook rss

Turismo, crescono i visitatori
della ‘Osimo Sotterranea’

L'ASSESSORE Michela Glorio stila un bilancio del 2019. In 20.500 hanno staccato il biglietto per visitare le grotte e l’area archeologica di Montetorto
Print Friendly, PDF & Email

Le grotte del Cantinone di osimo

 

 

Osimo sotterranea, il percorso turistico tra gli ipogei nel sottosulo cittadino, chiude il 2019 con un totale di 20.500 visitatori che hanno staccato il biglietto per visitare le grotte e l’area archeologica di Montetorto. Un aumento di circa 2.500 presenze rispetto al 2018. «Questo significa che anche per l’anno scorso il trend di crescita è stato positivo e si è attestato sul +15% circa. – osserva l’assessore Michela Glorio Un trend di crescita costante negli anni, che ha avuto picchi molto importanti,e un totale di visitatori raddoppiato rispetto al 2013, quando si attestavano sui 10.000. L’obiettivo per questo mandato è di crescere ancora attraverso nuovi investimenti nel settore». Per il 2020 si prevede infatti di assumere personale dedicato che si occupi di comunicazione e marketing territoriale (già previsto nel bilancio 2020 della Asso).«Intendiamo inoltre implementare il sito internet con una rivisitazione generale e la possibilità di prenotare on-line, servizio sempre più richiesto dai visitatori e che ci consente una migliore gestione dei flussi nei periodi di maggiore affluenza. – aggiunge l’assessora – Siamo poi intenzionati ad investire nel rinnovo della segnaletica turistica ed entro la fine del mandato acquistare un autobus elettrico che permetta di combinare la visita in centro storico con quella nei siti di interesse ubicati nelle frazioni (in primis l’Area Archeologica di Montetorto ma anche San Filippo de Plano e il santuario di Campocavallo). Per il 2020 intendiamo mettere a regime 3 nuovi itinerari: Osimo Romana, Osimo Templare e il percorso delle fonti storiche ed inserirli nell’offerta turistica della città. L’itinerario “Osimo Palazzi e Musei”, ideato per la proposta presente all’interno di Msc Crociere, verrà altresì reso disponibile per tutti».

Michela Glorio

L’accordo con la città sotterranea di Camerano continuerà anche quest’anno. Per il 2019 anche su questo fronte si è registrato un incremento del flusso dei visitatori di circa l’8%.«E’ un accordo che intendiamo rinnovare per gli anni a venire grazie alla buona collaborazione intrapresa con il Comune di Camerano. – conferma Michela Glorio – L’estate del 2019 ha visto, inoltre, la realizzazione dell’iniziativa “Tramonti a Montetorto” organizzata dall’Amministrazione comunale, tramite la Asso, e in collaborazione con la Cantina Ciculi, e ha voluto abbinare la visita al sito archeologico di Montetortoalla degustazione di prodotti tipici e del vino dell’omonima cantina; iniziativa che ha coinvolto circa 350 partecipanti tra luglio ed agosto. E’ importante ricordare, inoltre, che il 2019 è stato l’anno che ha visto l’apertura di una nuova sezione del sito archeologico, quella del magazzino e dei grandi orci (o dolia) usati per contenere olio e vino (per la prima volta dopo gli anni ’90 la soprintendenza archeologica delle Marche è ritornata a scavare e ha portato alla luce nuove sezioni del sito). Inoltre, la scorsa estate l’Università di Gent ha effettuato un’indagine con il georadar che ha permesso di conoscere elementi di notevole importanza, celati nel sottosuolo, tra cui l’esistenza della villa padronale di epoca romana. Dati che non escluderebbero la ripresa dei lavori di scavo».

L’area archeologica di Montetorto

Nell’anno appena concluso il Comune di Osimo ha ottenuto anche un finanziamento dalla Regione per l’attività di manutenzione ordinaria del sito archeologico e valorizzazione dello stesso. Circa 27.300 euro che saranno investiti per l’adeguamento ed accessibilità del sito per “tutti”, la costruzione di un centro didattico/informativo, l’attivazione di laboratori didattici e di scavo, l’installazione di pannellistica e ricostruzioni 3D, e per interventi di consolidamento, restauro e ricerca con la promozione di stage estivi. « A completamento di questo progetto, l’Amministrazione comunale intende inoltre realizzare un piccolo parcheggio attiguo all’area per permettere una maggiore fruibilità. – chiude l’assessore Glorio – Infine, negli ultimi mesi dell’anno abbiamo lavorato ad un programma congiunto con i Comuni di Offagna e Castelfidardo che per la primavera 2020 vedrà la promozione di visite tra “Natura, storia e cultura” con l’obiettivo di mettere in rete i 3 territori e stimolare la conoscenza di luoghi simbolo della nostra identità culturale come ad esempio il Monte della Crescia, territorio a confine tra Osimo e Offagna. Un’ottica di collaborazione intercomunale e di promozione congiunta del territorio che ci interessa molto incentivare e proseguire nei prossimi anni».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X