facebook rss

Una pietra d’inciampo
in memoria di Annita Bolaffi

OSIMO - La città ha commemorato stamattina la donna morta a 57 anni nel campo di sterminio di Auschwitz
Print Friendly, PDF & Email

La pietra d’inciampo in memoria di Annita Bolaffi, posizionata davanti all’ingresso di palazzo comunale a Osimo

In occasione dell’anniversario del “Giorno della Memoria”, Osimo ha ricordato stamattina, 29 gennaio, le vittime dell’Olocausto, delle leggi razziali e coloro che hanno messo a rischio la propria vita per proteggere i perseguitati ebrei, con la cerimonia di inaugurazione di unapietra d’inciampo.

«L’ opera dell’artista tedesco Gunter Demnig, è stata messa in posa in memoria di Annita Bolaffi – ricorda la vice sindaco Paola Andreoni – Nata in Osimo il 7 agosto 1886 figlia di Levi Sandrina e Bolaffi Giuseppe coniugata con Leone Latis, Annita era stata arrestata a Brissago (Varese) il 31 ottobre 1943 all’età di 57 anni con tutta la sua famiglia. Dopo alcuni mesi di prigionia a Varese è stata fatta salire sul convoglio n° 6 al carcere di MIlano, il 30 gennaio 1944, con destinazione Auschwitz. Arrivata ad Auschwitz, il 6 febbraio 1944, non è sopravvissuta alla Shoah e con lei il marito Leone Latis e la figlia Liliana».

 

Pietre d’inciampo, Osimo commemora Annita Bolaffi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X