facebook rss

Rilevamento polveri sottili,
il report 2019 dell’Arpam

INQUINAMENTO dell'aria stabile nella provincia di Ancona, dove le 30 nuove mini centraline, l'anno scorso, non hanno registrato sforamenti o picchi in particolari zone della città
Print Friendly, PDF & Email

La centralina mobile dell’Arpam in piazza Cavour, prima che venisse spostata sul lato del palazzo della Regione (foto d’archivio)

 

Rilevazione delle polveri sottili e monitoraggio delle acqua. Sono stati 2.331 i controlli e le sanzioni 104, di cui 39 amministrative e 65 notizie di reato. Sono inoltre stati forniti 2.953 pareri, effettuati 6.821 monitoraggi delle acque, 10.162 verifiche urbanistiche e 20.683 campionature per un totale di 456.213 parametri analizzati. E’ il bilancio tracciato dal direttore generale dell’Arpam Giancarlo Marchetti, per l’attività 2019.  Per l’aria sono stati utilizzate 9 stazioni e 104 analizzatori per 2.496 parametri giornalieri, riferisce l’Ansa. Stabile l’inquinamento dell’aria ad Ancona, dove le 30 nuove mini centraline non hanno registrato sforamenti o picchi in particolari zone della città. Più critica la situazione a Fano e a Pesaro, con concentrazioni di polveri inquinanti trasportate dalla Pianura Padana, mentre Falconara, dove insiste la Raffineria Api, ha ricevuto 1.000 segnalazioni odorifere grazie all’App ‘odor-net’ creata dall’Arpam e scaricata da 250 cittadini. Molto intensa l’attività del campionatore di pollini di Ascoli Piceno e Comunanza.

Pm 10, Italia Nostra: «Quali sono i risultati delle 22 centraline?»

Polveri sottili: sforamenti a Jesi, Ancona, Falconara e Chiaravalle

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page