facebook rss

Discute la tesi dal salotto di casa:
il Coronavirus non ferma Unicam
(VIDEO)

ATENEO - Proclamati i primi laureati a distanza alla scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della salute. Leonardo Casaroli, 29enne di Camerino, che ha poi festeggiato con amici e parenti: «L'emozione è stata la stessa» Il rettore Claudio Pettinari: «Pronti già dopo il sisma alle nuove modalità ora estese anche alle sedi distaccate»
Print Friendly, PDF & Email
Lauree in streaming a Unicam

di Gabriele Censi

Leonardo Casaroli, 29enne di Camerino, è uno dei 28 neolaureati alla scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della salute Unicam che, per le disposizioni di sicurezza conseguenti all’emergenza Coronavirus, ha discusso oggi, collegato dal salotto di casa, la sua tesi a distanza dedicata alla conservazione del tartufo.

Leonardo Casaroli festeggiato in casa dai familiari

L’università si è subito mobilitata per limitare i disagi agli studenti che, collegati da casa o da locali attrezzati con internet anche all’interno degli spazi dell’ateneo, hanno potuto concludere oggi il loro percorso di studi. «L’emozione è stata la stessa – ha detto Leonardo al termine dell’esame festeggiato da amici e familiari in ambiente protetto con la sua postazione internet – la modalità non ha fatto perdere la bellezza di questo momento importante, gli ultimi giorni sono stati di tensione ma vedo un futuro roseo, il tartufo è un pallino che ho da sempre e ho voluto omaggiarlo».

Davide Cannella

Il primo della serie è stato invece lo studente fuori sede Davide Cannella con una tesi sulla vitamina D3 come fortificatore per la salute delle ossa da inserire nella ricotta in una linea di latticini dell’azienda Sabelli. La sua proclamazione è stata ripetuta dal presidente di commissione Roberto Ciccocioppo per ben tre volte in seguito ad alcuni problemi di ricezione dello studente. Il suo “studio” collegato era allestito in un locale appena fuori Camerino dove i suoi amici si sono ritrovati a debita distanza per la festa.

La commissione presieduta da Roberto Ciccocioppo

 

L’inconveniente ha suscitato sorrisi in un’atmosfera dunque serena nonostante le problematiche del momento non solo a Camerino. «Noi siamo più abituati all’emergenza», confida il rettore Claudio Pettinari presente all’insolita seduta a porte chiuse.

Il rettore Claudio Pettinari

Dopo il sisma una nuova messa alla prova della capacità di resilienza di Camerino e la sua università: «Esami svolti nella massima regolarità con una cerimonia comunque pubblica anche se in collegamento telematico – ha spiegato il rettore Claudio Pettinari –  avevamo già messo in atto sistemi di didattica a distanza e oggi li applichiamo a solo 24 ore dal decreto governativo. C’è anche un danno economico ma dobbiamo prima tutto tutelare la salute degli studenti e del personale, con gli accorgimenti richiesti potremo svolgere dopo il 15 anche le attività in presenza».

I dispenser ad Unicam

In tutti i dipartimenti sono stati già installati all’ingresso i dispenser igienizzanti per le mani. Il prorettore con delega alla didattica Luciano Barboni e il vicario Graziano Leoni ricordano che le attività didattiche a distanza che riguardavano la sede di Camerino sono state estese anche alle sedi distaccate di Ascoli e Matelica. Una piattaforma on line alla quali possono accedere contemporaneamente mille utenti per ogni aula. Gli studenti sono in interazione con i professori attraverso il video, l’audio e lo scritto.

 

</

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page